giovedì 10 luglio 2014

Fenomeno della prostituzione, l’ordinanza del Sindaco di Aprilia.



È stata pubblicata in data odierna sull’Albo Pretorio On Line del Comune di Aprilia l’ordinanza contingibile ed urgente n. 221/14 del sindaco Antonio Terra per contrastare i pericoli derivanti dai comportamenti connessi con l’esercizio della prostituzione su strada o suolo pubblico. L’ordinanza scaturisce dalle numerose e reiterate segnalazioni da parte dei cittadini sulla presenza di persone dedite all’esercizio della prostituzione sulle strade del territorio comunale. Tale atto sindacale è stato sottoposto, come di norma, a preventiva comunicazione al Signor Prefetto di Latina, che nella giornata di ieri ha comunicato all’ente la conformità del provvedimento alle normative vigenti. L’ordinanza, a decorrere dalla data d’oggi e fino al 21 settembre p.v., vieta di porre in essere comportamenti diretti in maniera inequivocabile ad offrire prestazioni sessuali a pagamento per mezzo d’atteggiamenti di richiamo, di invito o nell’indossare abbigliamento indecoroso in relazione ai luoghi, ovvero mostrare nudità in quanto ciò determina o comunque favorisce rallentamenti o intralcio alla circolazione stradale, rappresentando pertanto un serio pericolo per il transito veicolare. Si vieta inoltre di contrattare prestazioni sessuali a pagamento, o eseguire, se alla guida di veicoli, manovre pericolose o d’intralcio alla circolazione e di accostarsi al margine della strada per porre in essere detti comportamenti equivoci. Da una ricognizione effettuata dalla Polizia Locale, sono state individuate le strade di competenza comunale ove si verificano casi di prostituzione con maggiore frequenza. Il provvedimento, quindi, è stato adottato nei riguardi di chi assume comportamenti imprudenti  alla guida d’autoveicoli, ricerca prestazioni sessuali a pagamento che possono determinare situazioni di grave pericolo per la sicurezza della circolazione stradale e quindi per l’incolumità fisica, in particolar modo su strade interessate da consistenti volumi di traffico e caratterizzate da elevati tassi d’incidentalità. Ferma restando l’eventuale applicazione delle sanzioni penali ed amministrative previste dalle vigenti disposizioni legislative e regolamentari, la violazione dell’ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria d’euro 400.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica