giovedì 12 giugno 2014

Latina: Terme di Fogliano, quando erano in funzione.



La vera storia delle terme di Fogliano in una prossima pubblicazione di Paolo Iannuccelli. Il volume dal titolo: “Terme di Fogliano, quando erano in funzione” sarà in libreria tra pochi mesi per raccontare una vicenda, ai più, sconosciuta. Furono in tanti a curarsi a Capo Portiere e ottenere ottimi risultati nei primi anni Cinquanta, dopo le accurate visite della dottoressa Rossi e del dottor Visioli, medici molto apprezzati in città. Nel volume sono raccolte le testimonianze di molti pazienti che si sono recati nello stabilimento termale di Capo Portiere per fanghi, inalazioni, bagni. Luigi Coletta, storico termoidraulico di Via Romagnoli, ha raccontato per primo la sua esperienza, insieme ad altri pionieri. Nei pressi dell’idrovora di Capo Portiere, durante la perforazione per i sondaggi promossi dal presidente dell'Eni Enrico Mattei alla ricerca di gas o petrolio nella zona pontina - eseguiti dalla società Terni - si diffuse la notizia che un getto d’acqua solforosa bollente ad alta pressione fuoriusciva da un foro di diametro di 20 centimetri di un pozzo trivellato a 100 metri dalla spiaggia per una profondità di 1.100 metri.  Lo zampillo, alto 20 metri, alimentato giorno e notte, fu oggetto di curiosità e d’attenzioni. La potenza, la quantità e la temperatura di quel getto erano tali che i tecnici perforatori non riuscirono ad imbrigliarlo. Si sostenne che la sonda aveva sfondato una vena d’acqua chiamato fiume sotterraneo e non una falda. Non fu più possibile recuperare la sonda e abbandonarono il pozzo, lasciando questo getto aperto e inutilizzato. Al quel tempo il posto era poco abitato, gli unici fabbricati erano la casa cantoniera, l’idrovora adiacente all’osteria "Zia Maddalena", un podere ONC, abitato dalla famiglia Pretto. Dopo un’attenta analisi dell’acqua, eseguita dal professor Mario Talenti dell’istituto d’Igiene dell’Università di Roma, si sostenne che le caratteristiche salsobromoiodiche erano utili per la cura delle malattie della pelle, eczema, psoriasi, reumatologiche. Nel 1953 si costituì una società termale - la Siam – che, con la direzione del commendator Cimaglia, iniziò la costruzione delle funzionali cabine termali, complete di tavole per fangatura e vasche tuttora esistenti. Le terme di Fogliano funzionarono molto bene e furono aperte al pubblico pagante per due anni con eccellenti risultati.  In tanti, dopo aver girato mezza Italia per guarire da gravi malattie della pelle su tutto il corpo, guarirono totalmente grazie ai bagni in quest’acqua. La morte improvvisa di Salvatore Cimaglia bloccò l’interessante iniziativa che finì anche in seguito alla revoca della concessione mineraria alla Società Italiana Acque Minerali, per motivi di pubblica utilità, da parte del Comune di Latina. E’ svanito un progetto che avrebbe potuto modificare l’assetto economico di Latina, una stazione idrotermale di grande importanza rimane un sogno nel cassetto in un posto meraviglioso dell’Italia centrale, dotato di mare, lago e posti incantevoli da visitare nelle vicinanze.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica