lunedì 5 agosto 2013

IL CORESE ANTONIO COCHI CAMPIONE ITALIANO DI TIRO.



Tiro Defensive alla ribalta nello scorso fine settimana ed ancora una volta il tiratore pontino, Antonio Cochi, ha vinto a mani basse il titolo di Categoria e l’Assoluto di Divisione dell’Italian National Championship per arma corta della Federazione Italiana International Defensive Shooting, un’affermazione ancora più netta rispetto agli ultimi successi del 2012, a dimostrazione che la crescita tecnica del «Cecchino di Giulianello» è divenuta in concreto inarrestabile, frutto d’abnegazione e allenamenti quasi da professionista. Sposato e con due figli, titolare di un noto Studio dentistico a Cori, Antonio Cochi nella categoria Expert della divisione Custom Defensive - per pistole di calibro 45 Acp - non ha lasciato scampo ad avversari quotati ed agguerriti, a cominciare dall’indomito master Angelo Panitti, fino ai diretti concorrenti di categoria, Alessandro Betsos e Luigi Garau, che hanno sì completato il relativo podio finale, ma giungendo a distanze siderali da Cochi in classifica finale.   Una gara probante quella di Calvisano, 11 esercizi complessi e ricchi di difficoltà, snodatisi su 190 colpi minimi d’ingaggio. Portacolori del club competitore di FIIDS, il Fuoco&Fiamme Asd, insieme all’amico e talentuoso tiratore Silvio Fanfarillo, Cochi ha saputo mettere a frutto un mese d’intensissimo allenamento fatto di 200 colpi ogni giorno alle sei del mattino, prima di andare al lavoro, e il precedente debutto ad inizio anno in una disciplina dal maggiore agonismo come il Tiro Dinamico di Ipsc, promosso in Italia dalla Fitds. Con questi due fattori, il trionfo al National di Calvisano è parso per il Campione pontino la recitazione di un copione già scritto, con una vittoria in lungo e in largo che ha raccolto consensi e complimenti a fine gara, sia dai principali protagonisti, sia dai vertici della Federazione ospitante. “È stata una soddisfazione immensa, che ripaga me e la mia famiglia di tanti sacrifici - ha dichiarato Cochi subito dopo le premiazioni - naturalmente la vittoria è tutta dedicata a loro. La gara è stata adatta per le mie caratteristiche, ma rispetto al passato sono ulteriormente cresciuto nella gestione mentale del match e nell’ottimizzazione delle soluzioni di fuoco da adottare, soprattutto grazie all’esperienza trasversale maturata negli allenamenti con Gianluca Biancucci, il master di Tiro Dinamico, divisione Open, insegnante qualificato e parimenti esigente, con il quale ho fatto il mio debutto in Ipsc ad inizio anno. Ringrazio lui ed il GM Guido Ciccarelli per il prezioso supporto”. Non solo Defensive, dunque, nel bagaglio tecnico dell’eclettico tiratore di Cori, che da marzo 2010 può vantare una striscia invidiabile di una settantina di gare in svariate discipline, tutte vinte nelle diverse categorie cui ha partecipato, comprese alcune di tiro difensivo con due altre associazioni, Fias e Idpa. Con la vittoria di Calvisano, l’invincibile Cochi continua dunque a macinare successi senza soste, dimostrando di non avere alcuna intenzione di scendere dal più alto gradino del podio: ormai è giunto a ridosso dell’ambitissima promozione alla categoria Master, sia in Ipsc, sia in FIIDS. A fine settembre arriverà per Cochi un altro attesissimo banco di prova: la FIIDS proporrà in Italia il proprio Campionato Europeo per arma corta, che lo shooter pontino sarà chiamato a rivincere, bissando l’eccezionale acuto della scorsa edizione.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica