martedì 9 luglio 2013

Aprilia: Datti Spazio, Azioni per un museo collettivo.

È stata inaugurata ufficialmente sabato 6 luglio, al termine di una conferenza pubblica di presentazione del progetto “Datti Spazio, Azioni per un museo collettivo”, l’opera “Nella notte buia danzano”, che sarà esposta per un anno sulla facciata della scuola Marconi. Nel corso della conferenza, presso la Sala Manzù della biblioteca comunale, è stata anche presentata al pubblico la mostra allestita per raccontare un progetto lungo più di tre anni, attraverso fotografie inedite del laboratorio artistico collettivo, scatti di Francesca Cervasi, e un video reportage realizzato da Alfonso Avvisati, moderatore dell’assemblea. Alla giornata, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, sono intervenuti il vicesindaco Franco Gabriele e gli assessori Francesca Barbaliscia e Alessandra Lombardi. Sono inoltre intervenuti il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Gramsci, dottoressa Maria Nostro, il Consigliere Regionale Rosa Giancola e, per la segreteria dell’Assessorato Regionale alla Cultura, Francesca Mancini. L’opera “Nella notte buia danzano” rappresenta un esperimento d’arte collettivo realizzato sul bozzetto del 2010 firmato dall’artista apriliano Woody, cui hanno lavorato studenti, volontari e appassionati d’arte. Il risultato finale è stato oggetto di un ampio dibattito nei mesi scorsi sull’opportunità di collocazione pubblica dell’opera e oggi come input per l’individuazione di nuovi spazi museali ed espositivi cittadini. «Quest’opera collettiva – ha commentato il Vicesindaco Gabriele – non è soltanto il frutto di un importante progetto che coinvolto tanti cittadini e tanti studenti nel corso dell’ultimo triennio. La sua importanza risiede anche nella sua capacità di imporci delle riflessioni, anzitutto sull’uso e il riuso della materia, dei nostri oggetti quotidiani, che oggi non finiscono in discarica ma assumono una nuova dimensione e una seconda utilità. Tuttavia, ciò che il progetto maggiormente ci impone è riflettere sulle nostre radici culturali, stimolandoci a trovare gli spazi espositivi idonei. Nei prossimi mesi ci confronteremo con l’assenza e con l’esigenza di un museo cittadino, e in questo dialogheremo anche con le istituzioni superiori. Manifestazioni come quella di sabato scorso ad Aprilia – ha commentato il Consigliere Regionale Giancola – ci dicono che la cultura sul territorio ha un valore enorme e per questo ha bisogno di risorse e di spazi in cui esprimersi. È questa la priorità della Regione Lazio, contenuta nelle linee guida annunciate dall’Assessore alla Cultura Lidia Ravera. Occorre dunque ripartire proprio dai piccoli centri e dalle piccole associazioni, che sui territori e nelle periferie costruiscono ogni giorno l’integrazione, occorre ripartire da una mappatura degli spazi disponibili. Perché nessuna esperienza umana può vivere al di fuori di uno spazio comune in cui condividere qualcosa. Il percorso dell’associazione “Datti spazio” è proprio questo: un lavoro collettivo che probabilmente ha cambiato il modo di vedere di molti».
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica