sabato 8 giugno 2013

CORI: CRESCERE NEL MUSEO E NELLA BIBLIOTECA.





Ottimo risultato raggiunto dagli operatori dell’Associazione Culturale Arcadia presso il Museo della Città e del Territorio di Cori e la Biblioteca Civica «Accrocca», dove si è appena terminata la stagione didattica 2012- 2013, dedicata alle scuole. Circa trenta le proposte presentate che hanno raccolto grande successo, presso l’Istituto Comprensivo Statale «Chiominto» di Cori e nelle scuole della Provincia (Latina, Cisterna, Sermoneta) contando circa 1000 alunni partecipanti. Gli itinerari e i laboratori proposti hanno offerto un emozionante incontro ravvicinato con il patrimonio storico artistico e archeologico, archivistico e librario custodito all’interno degli Istituti Culturali presenti in paese, Museo - Archivio e Biblioteca. Una città con tre Istituti Culturali, collocati in edifici storici di grande pregio, possiede un unicum inconfondibile, un patrimonio d’inestimabile valore, che così articolato rappresenta un’eccellenza. Per valorizzare coscientemente e differenziare criticamente l’Associazione Culturale Arcadia ha proposto alle scuole laboratori che incentrerebbero la loro metodologia su un orientamento critico e consapevole all’utilizzo del patrimonio culturale territoriale, con l’adozione di tipologie insegnative partecipate e lontane dalla didattica incentrata su modalità discorsive, per evitare visite con lunghe spiegazioni verbali che ostacolano la partecipazione attiva degli alunni. Nei laboratori ed itinerari gli alunni sono stati i protagonisti, i veri esploratori, i soggetti attivi. Il metodo di lavoro è stato di tipo esperienziale: osservazione diretta, realizzazione autonoma dei prodotti e dei materiali, sperimentazione di linguaggi visivi. I laboratori si sono svolti nelle sedi del Museo, con la sua aula didattica (sala conferenze) e l’antistante giardino, e della Biblioteca, con le sue aule nella nuova disposizione e la rinnovata sala ragazzi. Rilievo è stato dato anche allo spazio urbanistico della città di Cori, nella convinzione che sia indispensabile partire dal contatto diretto con il monumento, con l’opera d’arte e con il documento materiale o iconografico reale. Si è cercato di tenere in considerazione le differenze motivazionali, esperienziali, cognitive e creative proprie d’ogni tipo di pubblico, proponendo percorsi con laboratori e attività diverse, costruite di volta in volta con il corpo docente interessato.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica