venerdì 5 aprile 2013

Latina: Change management, 9 e 10 aprile.

Si è svolta il 4 aprile 2013 presso la Sala Giunta di Confindustria Latina, alla presenza del Direttore Generale

Sergio Viceconte, del Presidente della Sezione Chimico-Farmaceutica di Confindustria Latina Pietro Santoro e del Presidente della Rete d'impresa Pharma Innovazione Pierpaolo Pontecorvo, la conferenza stampa di presentazione di 'Change management', il workshop che si svolgerà martedì 9 e mercoledì 10 aprile presso l'Hotel Enea di Aprilia. Organizzato dalla Sezione Chimico-farmaceutica in collaborazione con la rete d’impresa “Pharma innovazione”, il workshop “Change management”, è un'iniziativa d’elevato spessore qualitativo finalizzata ad affrontare la questione di fondo del comparto pontino, ed è gestito dalla School of Management del Politecnico di Milano, una delle business school più prestigiose al mondo, entrata nel 2011 nel Ranking mondiale del Financial Times per l’Executive Education – Customized Programmes e dal 2012 al 17° posto in Europa. "Questo appuntamento costituisce una risposta concreta alle trasformazioni strutturali degli ultimi anni che hanno interessato il settore chimico-farmaceutico – commenta Pietro Santoro, Presidente della Sezione Chimico-Farmaceutica di Confindustria Latina, nonché Direttore Risorse Umane per l'Italia in Janssen – Cilag SpA – , perché la direzione intrapresa sta infatti conducendo verso un modello di “Contract manufacturing”, che richiede adattamenti continui e immediati alle diverse esigenze. Ecco allora che “Change management” riguardando le principali funzioni aziendali, si pone con una valenza strategica fondamentale nell’assunzione delle decisioni, nella pianificazione delle attività e nei comportamenti del management. I profondi mutamenti nei mercati, infatti, spiega Pierpaolo Pontecorvo, Presidente della Sezione Terziario Avanzato dell'Associazione Industriali pontina e Presidente della Rete d'impresa Pharma Innovazione – pretendono risposte tempestive dal punto di vista organizzativo e gestionale, imponendo a imprenditori e manager la necessità di acquisire gli strumenti adeguati per gestire le continue transizioni organizzative. L’adozione del modello “business unit” ha rivoluzionato ruoli, funzioni e gerarchie, mentre la grande competitività, direttamente sul mercato o all’interno della stessa company, ha determinato criteri gestionali che richiedono continui sforzi di adattamento a impostazioni e metodologie in costante variazione trasformazione. Il nostro obiettivo principale – così Sergio Viceconte, Direttore generale di Confindustria Latina – è mantenere le realtà produttive esistenti proponendo soluzioni adeguate a conservare il prezioso know-how per salvaguardare i livelli occupazionali e gli standard qualitativi. La nostra Associazione è molto attenta ai mutamenti degli scenari, e con iniziative di questo genere, riesce ad intercettare le giuste professionalità da indirizzare sulle nuove direzioni che il mercato del lavoro sta disegnando. Il workshop si propone, infatti, di trasmettere il know-how per strutturare un processo di gestione del cambiamento nelle sue principali fasi – continua il presidente Santoro – ed è stato progettato sul modello di una continua interazione tra i partecipanti e sul presupposto fondamentale che la interattività tra i manager non limitata alle giornate del workshop stesso, costituisca la leva strategica fondamentale. “Change management” punta a far emergere e quindi comprendere – conclude –, le dinamiche organizzative e psicologiche innescate dal mutamento organizzativo approfondendo i diversi approcci alla gestione del change incrementale e radicale e i relativi campi di applicabilità ed efficacia". Il secondo appuntamento con 'Change Management' è previsto per metà maggio, martedì 14 e mercoledì 15, su richiesta delle aziende associate a Confindustria Latina.

Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica