domenica 17 marzo 2013

CORI: CAMPAGNA D'INFORMAZIONE E PREVENZIONE DELLE TRUFFE AGLI ANZIANI.



Esprime soddisfazione l’Amministrazione comunale di Cori – Assessorato alle Politiche Sociali - per l’esito della prima campagna d’informazione e prevenzione delle truffe agli anziani, le principali vittime di questo fenomeno, realizzata sul territorio. L’obiettivo dei due incontri, organizzati presso i centri socio culturali di Cori e Giulianello, era quello di fornire alcuni elementi che potevano mettere nelle condizioni di non essere raggirati e per far sì che di fronte a dei potenziali truffatori si possa essere sempre pronti a reagire e ad evitare il peggio. Come ha spiegato il team di psicologhe ed assistenti sociali del Comune di Cori, con il riscontro delle testimonianze dirette d’alcune vittime, sono numerose le tipologie di truffe messe in atto: Il falso dipendente di banca o di posta che suona al campanello di casa per ricontrollare il denaro appena prelevato sostituendolo con banconote false. Occhio anche ad altri mendaci impiegati e funzionari che possono bussare alla porta con una scusa qualunque. L’amico del nipote che deve dei soldi o la presunta eredità da consegnare. Il classico trucco della giacca sporca da ripulire, mentre sono svuotate le tasche. Attenzione a chi cerca di rifilare oggetti preziosi che tali non sono oppure alle finte richieste di beneficenza e ai finti maghi sempre di moda. Il “vademecum antitruffa” distribuito ai partecipanti raccoglie alcune regole utili per evitare di cadere nella trappola. Prima di aprire la porta ad uno sconosciuto, verificare da chi è stato mandato e per quali motivi, richiedendo un documento o un tesserino. Nessun ente o azienda di pubblica utilità manda personale a casa per riscuotere un pagamento o per controllare banconote. Se ci si sente osservati all’interno, farlo presente agli impiegati. Per strada mai fermarsi con sconosciuti. Diffidare di facili guadagni e prodotti miracolosi. Se si hanno timori entrare in un negozio o cercare una compagnia sicura. Quando si va in banca o in posta sempre meglio farsi accompagnare e massima prudenza nel prelevare al bancomat. Non accettare assegni da ignoti, né firmare nulla che non sia chiaro e chiedere sempre consiglio a persone di fiducia e più esperte. In caso di dubbio, chiamare sempre le Forze dell’Ordine.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica