lunedì 4 marzo 2013

Analisi dati elettorali di Sermoneta e Latina.



Alla luce dei risultati elettorali il flop della lista "Rivoluzione Civile" è evidente in camera e senato ed in regione Lazio. Mi sembra di ricordare la stessa debacle di "Sinistra Arcobaleno" anni fa. A Sermoneta abbiamo raggiunto l'1,6 % per le elezioni regionali (nonostante le preferenze ed i voti regionali), un dato basso se si considera che alle scorse elezioni regionali del 2010 con la lista Verdi per Bonino (sempre io candidata) ho raggiunto l'1,25 % da sola con i Verdi dovevo raggiungere almeno il 2,50 % insieme agli altri partiti della alleanza Ingroia, ma si sa che unendosi si perdono consensi. In camera e senato per le Politiche cambia poco il risultato. Da precisare appunto una nota: "A Sermoneta sono stata anche osteggiata da alcuni dei Comunisti Italiani che per screditarmi non hanno votato lista Ingroia, ma Partito Democratico, per farmi uscire sconfitta da questa tornata, forse mi ritengono ancora colpevole di aver perso il loro seggio alle scorse elezioni comunali dove io presentai una mia lista dei Verdi -non capendo che chi gli fregò i voti fu proprio qualcuno del PD per paura di uscire sconfitto". Io ho fatto una campagna elettorale orientata più verso i voti di lista che non le mie preferenze, per dare forza a Roma ed eleggere lì qualcuno candidato consigliere. A Latina si è raggiunto lo 0,97 % (tra preferenze e voti regionali) ed in ogni caso noi partiti della alleanza ci siamo abbastanza impegnati, ma nonostante ciò i risultati sono stati bassi. Da rilevare il successo, prevedibile, di Grillo e del Movimento 5 Stelle che ha raggiunto punte del 21 % a Latina e nientemeno che il 19 % a Sermoneta (dove non è neanche rappresentato come partito). Antonio Ingroia non è piaciuto, Sandro Ruotolo non è piaciuto altrettanto e (le liste regionali sono state fatte in un solo mese, certo poco), forse Ruotolo è stato visto anche come un soggetto un po’ estremista (vedi il fatto di Casa Pound in campagna elettorale - lui non volle stringere la mano ad un esponente di quella corrente) una “testa calda” quindi non molto affidabile perchè poco equilibrato (a differenza di Zingaretti che è percepito come uomo equilibrato e affidabile  - uno al quale dare fiducia). Se si fosse candidato Angelo Bonelli al posto di Ruotolo (come si era previsto dovesse essere) credo che avrebbe raggiunto almeno il 3 % ed un seggio lo avremmo preso alla Pisana, ma si sa il giudizio viene sempre dopo. Ora possiamo solo rammaricarci per i risultati deludenti ottenuti.
        Antonietta PAGANI
Verdi Sermoneta
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica