martedì 8 gennaio 2013

CORI: IL BACIO DEL BAMBINELLO DI GIULIANELLO.



Come ogni 6 gennaio, anche ieri i giulianesi hanno rinnovato l’appuntamento con il tradizionale “bacio del Bambinello”, la statuetta del Bambin Gesù, scolpita nel XVI secolo da un devoto francescano sul legno d’ulivo Getsemani, e custodita all’interno della sacra cappella della Chiesa barocca di San Giovanni Battista, a Giulianello. La statuetta è venerata dai giulianesi dal 1798 e, come allora, la mattina dell’Epifania, dopo la santa messa, viene fatta “sfilare” in processione per le principali vie del paese, portata dagli storici Incollatori, e nel pomeriggio ha luogo il consueto “Bacio del Bambinello”.  È un rito che da sempre riesce a coinvolgere la maggior parte dei cittadini che trovano tranquillità e conforto nello sguardo rasserenante e fiducioso del Bambinello, dai  lineamenti del volto piuttosto grossolani e l’aspetto di un bambino di 5-6 mesi con l’espressione di un adulto con occhi decisi e penetranti. La mano destra è sollevata in direzione del collo e quella sinistra poggiata sul cuore; ha il corpicino che si regge sul piede sinistro, mentre quello di destra è alquanto sollevato e tirato indietro, quasi fosse in atto di camminare. A distanza di duecento anni la sacra statuetta del Gesù Bambino è stata benedetta da Sua Santità Giovanni Paolo II, durante l’udienza papale del 2 dicembre 1998, alla presenza di un migliaio di rappresentanti della comunità giulianese.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica