domenica 20 gennaio 2013

Aprilia: 69° anniversario dello Sbarco di Anzio a Campo di Carne.




Si è tenuta questa mattina (20/1/13), presso il monumento ai caduti “Il Graffio della Vita” di Campo di Carne, la cerimonia commemorativa inserita nel circuito delle celebrazioni per il 69esimo anniversario dello Sbarco di Anzio. Vi hanno preso parte il sindaco f.f. di Aprilia Antonio Terra, i Sindaci dei Comuni di Anzio, di Lanuvio,di Ardea, l’Assessore alle Attività Produttive di Nettuno Ernesto Flamini, l’Assessore all’Urbanistica di Cisterna Antonio Barbazza e diversi altri rappresentanti istituzionali dei sei Comuni. Erano presenti anche i rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri, di Polizia di Stato, Polizia Stradale, Polizia Locale di Aprilia, Guardia di Finanza e Esercito Italiano, nonché delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, della Protezione Civile e il Medagliere dell’Opera Nazionale Caduti senza Croce. Al termine del breve corteo delle autorità civili e militari guidato dalla banda comunale La Pontina di Aprilia, il sindaco f.f. Antonio Terra ha deposto una corona d’alloro in memoria dei caduti del secondo conflitto mondiale. Successivamente, il parroco Don Alessandro Tordeschi ha concluso la cerimonia con la benedizione di rito. Nel corso del suo intervento, il sindaco f.f. di Aprilia Antonio Terra ha ricordato il valore della memoria e l’importanza di tramandare alle giovani generazioni la storia italiana e apriliana, esprimendo un saluto in particolare a tutti gli insegnanti di Campo di Carne e, più in generale, di tutte le scuole cittadine, infine, il Sindaco di Aprilia ha annunciato la scelta dell’amministrazione di rinominare il tratto di via dove sorge il monumento ai caduti di Campo di Carne la “Strada della Rimembranza”. Al termine della cerimonia, nei locali del centro anziani della borgata è stata inaugurata la mostra fotografica e documentale “The Fly Over”, a cura dell’associazione The Factory 1944 onlus e del comitato di quartiere.
Di seguito, il discorso integrale del sindaco f.f. Antonio Terra.
Signori rappresentanti delle istituzioni, delle forze armate e delle associazioni Combattentistiche e d’Arma,
Cari concittadini,
sono già passati 69 anni dallo Sbarco eppure il ricordo di ciò che è stato, delle pagine più drammatiche e tristi della nostra nazione, è ancora vivo e difficilmente potrà essere offuscato dal tempo. Quando gli alleati arrivarono in queste terre via mare, seguirono scontri durissimi in un campo di battaglia occupato da truppe che parlavano tre lingue diverse: italiano, inglese, tedesco. Da tre anni, ormai, siamo qui a Campo di Carne, a rendere omaggio ai caduti in questo fazzoletto di terra drammaticamente colpito dalla guerra, dove incessanti furono i bombardamenti e devastanti le conseguenze ed il monumento alle mie spalle, inaugurato soltanto nel 2011 dal compianto Sindaco Domenico D’Alessio, è posto qui a testimonianza quotidiana e collettiva della nostra storia. Grazie a questa nostra volontà collettiva di partecipazione e di testimoniare l’infinita riconoscenza nei confronti dei nostri caduti, la Città di Aprilia è stata inserita da tre anni nel circuito celebrativo per l’anniversario dello Sbarco. Un appuntamento con la storia che tutti assieme non vogliamo mancare. Il marmo con inserti in ceramica posto a memoria dei caduti di Campo di Carne, che simboleggia il Graffio della Vita, ha inoltre avuto la capacità di dimostrare quanto infondata sia l’idea di una Città senza radici e senza coesione sociale. Questo angolo di borgata, a due passi dalla scuola, è già stato luogo di visite commemorative, di veglia e di preghiera. Molti veterani della seconda guerra mondiale sono tornati qui e hanno guardato con commozione ad una comunità che non dimentica e che rende il giusto omaggio a chi ha combattuto per la libertà sacrificando anche la propria vita. Oggi l’occasione è propizia per rendervi nota la scelta dell’amministrazione di rinominare questa via “la Strada della Rimembranza”, come ulteriore testimonianza e simbolo della volontà di questa Città di tramandare alle giovani generazioni i valori e la memoria storica che ci accomunano. “La Strada della Rimembranza” è in ricordo anche dei nostri pionieri che hanno fondato Aprilia nel 1936 e che soltanto pochi anni dopo la guerra si sono assunti l’impegno e la grande responsabilità di ricostruirla dalle macerie e di farla rinascere. A loro va la nostra riconoscenza per l’impegno, lo spirito di sacrificio e l’esemplare esempio civiltà che dovremo saper seguire oggi nei momenti difficili e in special modo nell’educazione dei giovani. Ed è in tal senso che questa mattina rivolgo il mio personale saluto, e dell’amministrazione che rappresento, anche agli insegnanti delle scuole di Campo di Carne e più in generale di quelle di Aprilia. Noi tutti siamo qui non solo con l’obiettivo comune di commemorare gli eroi della guerra, ma anche per riflettere con profondo cordoglio affinché pagine buie della nostra storia non siano più scritte ed in questo senso è essenziale la conservazione della memoria di ciò che è stato.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica