martedì 18 dicembre 2012

Aprilia: I sette Re di Roma a Campo di Carne.



Una serata dal piacevole sapore storico-umoristico sabato 15 dicembre presso l’I.C. “Garibaldi” di Aprilia dove è andato in scena il famoso musical di Luigi Magni “I sette Re  di Roma”,  protagonista dell’ardua impresa la neocompagnia teatrale de “Gli animatori” guidata dall’abile regia del professor Silvestro Longo. Davanti ad un’aula gremita di spettatori, al Dirigente Scolastico dell’Istituto, professoressa Angela Persechino, e a Don Alessandro Tordeschi, parroco e guida dei ragazzi della Parrocchia B.V.M. a Campo di Carne, i venti giovani attori, alla prima esperienza teatrale, hanno dato prova di notevoli capacità interpretative: Una scommessa vinta, dopo circa un anno di lavoro per una difficile prova di resistenza, vista e considerata l’articolazione ricca e complessa del copione. I numerosi cambi di scena, la dizione adeguata, l’interpretazione sciolta e canzonatoria dentro di cui hanno saputo calarsi bene tutti i ragazzi, ci hanno riportato, per circa tre ore, nell’ambiente storico dell’antica Roma: Un tuffo nel passato, pagine di storia in cui re sabini ed etruschi ci appaiono in tutta la loro semplicità ed immediatezza all’interno di un mondo appena alle soglie della civiltà. Si alternano, così, monarchi e personaggi singolari talvolta goffi e ridicoli, atroci e sanguinari, sprovveduti e patetici mentre figure femminili e del popolo, con scioltezza e disinvoltura, passano da una scena all’altra. Bellissimi ed appropriati i costumi, alcuni particolarmente elaborati e realizzati dagli stessi attori, altri con il prezioso contributo di mamme pazienti e volenterose. Il ricco repertorio musicale, accompagnato da piacevoli coreografie con canti solisti e corali, è stato riadattato dal giovane musicista Fabio Brignone sullo sfondo di una ‘leggera’ ed essenziale scenografia. La storia de “I sette Re di Roma” a metà strada tra mito e leggenda, narra l’avvicendarsi dei sette monarchi romani che si sarebbero succeduti alla guida della città eterna dal 753 al 500 a.c., data della nascita della repubblica. Uno spettacolo complesso e variegato, il cui messaggio consegnato al pubblico sfiora la satira con sottili rimandi all’attuale condizione socio-politica italiana. Non sono, pertanto, mancate risate e sorprendenti colpi di scena con simpatiche e improvvise ‘trovate’. Un plauso al Professor Longo che, grazie alla sua lunga esperienza di docente e amante del bel teatro, continua a favorire la formazione educativa dei nostri giovani ed a Don Alessandro che instancabilmente li orienta verso percorsi di crescita e fiducia in se stessi e nell’amicizia.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica