lunedì 5 novembre 2012

Sermoneta: Celebrata la Giornata dell’Unità Nazionale.




Sermoneta ha celebrato la Festa dell’Unità d’Italia e delle Forze Armate, e la Commemorazione dei caduti di tutte le guerre, con una cerimonia che si è svolta ieri, domenica 4 novembre, nella Chiesa di Santa Maria Assunta a causa del maltempo. Dopo la messa, gli alunni delle classi III, IV e V della Scuola primaria del Centro Storico ed una delegazione delle classi III della Scuola Secondaria di I grado hanno letto poesie e pensieri sul tema della pace e della fratellanza, accompagnati dalla Banda Musicale “Caroso” diretta dal M. Michele Secci. Il sindaco Giuseppina Giovannoli, nel suo intervento si è rivolta in modo particolare ai ragazzi: “Sempre più spesso parliamo di pace come un concetto astratto. La pace non si costruisce solo nei palazzi del potere e al tavolo dove siedono i governanti, ma dobbiamo costruirla noi, ogni giorno, con i nostri comportamenti”. Il Sindaco ha invitato i giovani a fare tesoro delle esperienze dei loro nonni, ed ha elogiato le attività che oggi portano avanti i nostri Centri Anziani di Sermoneta, del centro storico, della pianura e di Doganella. “I vostri insegnamenti alle nuove generazioni, grazie anche alle tante iniziative che svolgete durante l'anno, devono essere un esempio positivo nella formazione dei cittadini del futuro”.  Un plauso anche all’attività quotidiana svolta dalle “forze dell'ordine, i Carabinieri, la Polizia Locale, la Protezione Civile, l'Associazione nazionale Carabinieri di Sermoneta e tutte le associazioni di volontariato, che sono la spina dorsale della nostra comunità: Con il vostro lavoro quotidiano e costante operate per garantire non solo la sicurezza, ma anche la convivenza civile”, infine, l’esortazione alla cittadinanza a perseguire la pace e la legalità attraverso piccoli gesti quotidiani: “Agire nel rispetto della legge, non offendere la dignità altrui, alimentare democrazia e partecipazione, essere generosi con chi ha bisogno, aprirci al confronto ed al dialogo con tutti, dalle nostre famiglie: ecco cosa possiamo fare per onorare al meglio la nostra Storia ed i nostri caduti”. Al termine, il corteo si è spostato presso il Monumento ai caduti per la deposizione della corona d’alloro.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica