lunedì 27 febbraio 2012

Diabrotica del mais: incontro con gli agricoltori di Sermoneta.


L’Amministrazione comunale di Sermoneta ha voluto nuovamente incontrare i dirigenti del settore fitosanitario della Regione Lazio e gli agricoltori di Sermoneta, per affrontare ancora una volta la problematica della “diabrotica del mais”. Parte del territorio di Sermoneta è stato inserito nella cosiddetta “zona focolaio”. La diabrotica è un pericoloso coleottero di origini americane che può causare danni incalcolabili alle coltivazioni di mais: le larve si nutrono delle radici del granturco portando a morte le piante. Gli adulti invece si nutrono delle “barbe” con conseguente perdita di produzione della granella. Le misure fitosanitarie che la Regione ha chiesto sono: per la zona focolaio l'attuazione di una rotazione delle colture per un triennio, mentre nella zona tampone la rotazione biennale delle coltivazioni di mais. L’incontro è servito a ribadire i confini della zona focolaio e trovare soluzioni condivise per superare questo momento di emergenza. Si tratta in sostanza di bloccare sul nascere l’espandersi della diabrotica attraverso accorgimenti fondamentali da rispettare. “E’ stato importante che i tecnici regionali siano tornati a Sermoneta per incontrare i nostri agricoltori – ha spiegato il sindaco Giuseppina Giovannoli –. L’economia di Sermoneta si basa ancora in gran parte sull’agricoltura e di certo questa nuova emergenza va ad aggiungersi alle altre problematiche che vive il comparto a livello nazionale. Ecco perché è fondamentale creare una sinergia stretta tra le Istituzioni e tra gli stessi agricoltori. L’Amministrazione si è resa disponibile ad offrire ogni forma di supporto necessario e, grazie alla mediazione con la Regione, abbiamo ottenuto importanti risultati per salvare le coltivazioni già in essere”. L’invito del Sindaco è al dialogo e alla collaborazione: “la reciproca solidarietà tra gli operatori del settore ci aiuterà ad evitare che la diabrotica possa diventare una piaga non più debellabile”. Sul sito internet del comune di Sermoneta www.comunedisermoneta.it è stata predisposta una sezionje dedicata alla diabrotica, con tutte le informazioni utili. Il coleottero diabrotica è arrivato dagli Stati Uniti attraverso i cargo che portavano gli aiuti umanitari nella ex Jugoslavia, durante la guerra del 1992. Da quel momento si è diffuso fino ad arrivare nel 2004 in Italia e nel 2008 a Roma. Nel luglio scorso, durante l'attività di monitoraggio, il servizio fitosanitario ha scoperto la presenza del coleottero ed ha lanciato l'allarme. La cosiddetta zona focolaio prende parte dei Comuni di Sermoneta, Latina e Cisterna, mentre la zona tampone comprende parte dei comuni di Sermoneta, Cisterna, Latina, Cori e Sezze.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica