sabato 17 dicembre 2011

Parco delle Noci di Sermoneta Scalo.



Sermoneta Scalo cambia volto, con l'arrivo di verde pubblico, servizi, asilo, farmacie e una caserma dei carabinieri. Ieri pomeriggio è stata discussa in Commissione Urbanistica la proposta di variante per il “parco delle Noci”, che dovrà essere successivamente approvata dal Consiglio Comunale e poi approvata dalla Regione. Si tratta della realizzazione di un grosso parco di dimensioni superiori a un ettaro, con un asse viario che permette di bypassare come una circonvallazione l’intero nucleo abitato di Sermoneta Scalo, attraverso anche strutture per la mobilità alternativa pedonale e ciclabile. Saranno collocati nel tessuto urbano di Sermoneta Scalo una importante Caserma dei Carabinieri, un asilo nido, una farmacia comunale, una parafarmacia nonché un ampio spazio verde in dotazione alla scuola materna che già oggi ospita circa 200 bambini. “L’insieme di questi servizi, associati alla realizzazione di un’area commerciale di circa 2000 mq, rappresenta quell’insieme di servizi capaci di vitalizzare l’intera borgata, determinandone lo sviluppo delle relazioni umane ed interpersonali, facendola diventare il centro di riferimento, per la tipologia stessa dei servizi, per la restante parte del territorio che, di fatto, avrà come riferimento la borgata. il suo sviluppo va ad integrarsi con la crescita urbana e sociale che si è già avuta a Pontenuovo”, spiega l'Assessore all'Urbanistica Claudio Damiano. Circa 5800 m3 saranno destinati ad housing sociale con la possibilità di acquisto, per le giovani coppie, a prezzo calmierato del 20% più basso del prezzo di mercato. “L’aumento di cubatura derivante dalla compensazione dell’esproprio per la realizzazione del parco e dei servizi, produce non solo un impatto ambientale decisamente sostenibile ma anzi permette un sufficiente aumento di abitanti necessario alla rivitalizzazione della borgata. L’intera operazione è messa in atto con un coefficiente di compensazione di 0,4 m3/m2, ben lontano dall’1 o 1,2 applicato nel passato. Tutto ciò ad evidente vantaggio della collettività stessa, che potrà disporre di spazi verdi ed aree attrezzate a servizi largamente superiori”. La borgata in questo modo é ridisegnata ed assume una sua specifica identità. “Per la realizzazione del progetto architettonico definitivo si è pensato di dar corso ad un concorso d’idee rivolto ai giovani architetti al fine di permettere e favorire l’accesso nel mondo del lavoro di professionalità giovanili”, aggiunge Damiano. La variante di Parco delle Noci verrà integrata dalla variante di recupero dei nuclei abusivi di Sermoneta Scalo. “In questo modo la borgata chiude i suoi conti con il passato, fatto di uno sviluppo disordinato, arrivando ad una identità propria”, conclude l'Assessore all'Urbanistica: “Per la prima volta si ha uno strumento urbanistico ordinato, che non ragiona su singoli aspetti del territorio, ma che mette al centro una definizione equilibrata, omogenea e complessiva tra carico abitativo, tipologia dei servizi, costruzione di quella rete indispensabile alla specificità dei servizi stessi capace di rendere un territorio moderno, civile e sociale”.
Share on :

1 commenti:

Anonimo ha detto...

caro assessore damiano speriamo che queste parole siano vere e non come tutte le fregnacce che avete raccontato a tutti gli abitanti di sermoneta scalo fino ad ora.........
speriamo con l'arrivo della caserma dei carabinieri si dia una ripulita a tutta la droga che gira nella borgata!!
e soprattutto fatela finita con le discoteche improvvisate nel centroabitato.

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica