giovedì 15 dicembre 2011

Latina: Il Premio Comel “Vanna Migliorin”.


E’ stato presentato, il 12 dicembre, il Premio Comel “Vanna Migliorin” per l’arte contemporanea, nato da un’idea della famiglia Mazzola in memoria ed in onore di una donna straordinaria, la signora Vanna, recentemente scomparsa. E’ toccato a Maria Gabriella Mazzola ricordare i tristi momenti della morte della mamma, una donna coraggiosa e straordinaria, vero motore non solo dell’azienda familiare (oggi leader nel Lazio ed in Italia nel campo della lavorazione dell’alluminio), ma anche di tante iniziative culturali destinate alla crescita sociale del territorio all’interno della quale la Comel opera. Anche questo premio – ha detto Gabriella Mazzola – è nato da una sua idea. Purtroppo il destino non le ha consentito di concretizzarla ed è nel suo ricordo che oggi l’intera famiglia ha deciso di portarlo avanti. Attorno al progetto professionale una equipe di autentici professionisti, che comporranno anche la giuria tecnica del premio: Silvia Sfrecola e Roberta Sciarretta (storiche dell’arte), Giuliana Bocconcello (nota artista della nostra città), Annalisa Lazzarotto (designer ed art director, autrice del logo), Massimiliano Vittori (editore) e Annalaura Patanè (artista). Nella sua prima edizione il premio sarà ad invito per gli artisti. Dalla prossima edizione, ci sarà invece un vero e proprio bando nazionale. La mostra delle opere in concorso verrà inaugurata il 18 febbraio 2012, giorno del compleanno della signora Vanna.  L’expo (particolare tutt’altro che secondario, ospitata in uno spazio culturale ad hoc che verrà aperto per l’occasione nel centro della città) durerà un mese, durante il quale la giuria sceglierà il vincitore al quale andrà un premio in denaro di duemila euro, una targa/opera firmata dalla Bocconcello e la possibilità di partecipare alla Biennale di arte contemporanea Sergio Ban organizzata dall’associazione Solidarte, di cui la stessa artista è presidente. Un sodalizio fra uomini, donne, associazioni, culture e sensibilità attorno a questa iniziativa che nasce, in definitiva, da un grande atto d’amore: di una famiglia verso Vanna Migliorin…e di un gruppo industriale verso il territorio che lo ospita. In fondo, il Premio Comel è tutto questo: un segno di crescita importante in una città che alle soglie del suo ottantesimo compleanno tenta la carta della cultura quale elemento unificante di una miscellanea di tradizioni, usi e radici. Un elemento unificante che può risultare vincente e che è significativo venga proposto da una realtà aziendale solida, che ha saputo resistere alla crisi grazie alla serietà, alla competenza, alla straordinaria coesione interna, alla sua capacità di aprirsi all’esterno e di contribuire – anche attraverso questo progetto culturale – alla crescita di Latina.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica