domenica 28 agosto 2011

A Nettuno da settembre corso contro la violenza di genere (di Massimo Alberghini).


E’ passato un anno da quando un tragico incidente automobilistico ci ha sottratto Luciana Germani, storica militante della sinistra politica e sindacale di Anzio. Luciana è stata una persona straordinaria, decisamente non in linea con lo stile berlusconiano imperante in politica, spesso anche in quella di sinistra, e improntato sul carrierismo e l’esibizionismo più sfrenato. E’ stata una donna schiva, non amava comparire sui giornali ed anche nelle manifestazioni pubbliche era restia ad intervenire, eppure il suo contributo per la buona riuscita di questi eventi è stato sempre determinante. La vita di Luciana, nella sua semplicità, è stata formidabile e vissuta, unitamente con quella del suo inseparabile compagno di vita e di passione politica Angelo Zanza, con grande partecipazione civile. In ricordo del suo impegno a favore dei più deboli e contro ogni forma di violenza l’Associazione Alzaia di Anzio - Nettuno ed il circolo “Le Rondini” di Legambiente hanno organizzato il corso “Per Luciana” che, dal prossimo 21 settembre e fino al 14 dicembre, affronterà in dodici incontri il tema del contrasto alla violenza di genere  Il 17 giugno nel presentare il progetto nella Sala dei Sigilli del Forte Sangallo di Nettuno le donne delle due associazioni hanno affermato che “questo progetto, che si avvale di partner qualificati come il Comune di Nettuno, l’Istituto Tecnico Commerciale Emanuela Loi e l’Associazione Interculturale Soweto, vuole affrontare il problema della violenza di genere presente sul nostro territorio come a livello nazionale; una violenza non solo fisica ma anche materiale e psicologica”. “Il progetto – hanno aggiunto - prevede l’attuazione di un corso di formazione per venticinque operatori volontari, intende fornire corrette informazioni per riconoscere e prevenire il fenomeno della violenza verso le donne, per preparare operatori con adeguate competenze di ascolto, di accoglienza e di orientamento per donne in difficoltà e poter costruire una rete di aiuto contro questo genere di violenza”. Il corso sarà curato da un’equipe di professioniste: Avvocatesse, psicoterapeute ed educatrici di comunità con vasta esperienza in Centri Antiviolenza ed in Case Rifugio. La sua frequenza è gratuita e aperta sia a soci o aspiranti soci di associazioni di volontariato, sia alle figure professionali maggiormente a contatto con situazioni di violenza, come gli operatori di Pronto Soccorso, i docenti, i mediatori interculturali, le assistenti sociali, gli agenti della Polizia di Stato e Municipale, gli psicologi o anche semplici cittadini interessati. Gli elementi innovativi del corso consistono nel riempire un vuoto formativo e progettuale presente nei piani di zona 2004-2010, in tema di violenza sulle donne, e nel coinvolgere molte figure chiave degli enti comunali e ospedalieri che operano a stretto contatto con questa realtà. Chi ha conosciuto Luciana sa che sono obiettivi che avrebbe apprezzato. Questi i contatti per poter ricevere delle informazioni aggiuntive: Associazione Alzaia, Via Bengasi 33, Anzio, tel. 3290572292 - failla@uniroma3.it – Progetto “Per Luciana” I.T.C. Emanuela Loi, Via Loi  6, Nettuno, fax 0698600456.
Massimo Alberghini
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica