venerdì 18 marzo 2011

APRILIA: URBANISTICA OGGI, 25/3/11.


Definito il programma del convegno “Urbanistica Oggi, tra Piani Regolatori e Piani Casa” organizzato dall’associazione Assinarch, questa volta in collaborazione con le associazioni Aprilia Giovani ed Ex Mattatoio Officine Culturali, previsto per venerdì 25 marzo dalle 9.30 del mattino. Il convegno si svolgerà presso la Sala Manzù della Biblioteca Comunale e non in aula consiliare come precedentemente comunicato. Il convegno sarà diviso in due parti, durerà tutto il giorno con una pausa tra le 13.00  le 15.00 per procede con  l’inaugurazione della mostra sempre presso la sala Manzù. Il programma previsto dall’Assinarch prevede che al mattino si affrontino temi urbanistici: in particolare la dicotomia PIANI REGOLATORI-PROGRAMMI INTEGRATI con relativi pregi, difetti e vincoli legislativi. Nel pomeriggio si darà spazio alle le linee guida del nuovo Piano Regolatore del Consorzio per lo sviluppo industriale Roma-Latina, a seguire si parlerà di geologia e storia del territorio, di tutela delle acque superficiali dai rischi di inquinamento e dei sistemi di trattamento e di recupero delle acque reflue. “Un ringraziamento particolare - ha commentato il presidente di Assinarch, Michele Magliocchetti - lo dobbiamo ai presidenti degli ordini professionali degli architetti e degli ingegneri della Provincia di Latina arch. Remigio Coco e ing. Fabrizio Ferracci, che hanno voluto aderire alla nostra iniziativa e saranno presenti al convegno”. Saranno presenti tecnici, imprenditori ed amministratori pubblici, tra cui: l’Assessore alle Politiche per la Casa  della Regione Lazio, Teodoro Buontempo; il Presidente della Commissione Trasporti della Regione, Giovanni Di Giorgi, il sindaco di Aprilia, Domenico D’Alessio e l’assessore all’Urbanistica Antonio Terra. Per Aprilia Giovani ci sarà Edoardo Baldo, per l’ex Mattatoio, Maurizio Sibilla. Darà il suo contributo anche il geologo Paolo Di Cesare (dell’ordine geologi Lazio).  “Il Piano Casa può essere un'occasione per la città,  ma può anche contribuire all'aumento del Suo degrado funzionale ed ambientale. - Ha spiegato in merito l’architetto Giovanni Brilli - La città va prima di tutto vissuta, pensata, studiata, in tutti gli aspetti economico-sociali, ha bisogno di essere approfondita con le conoscenze, i mezzi tecnici che oggi possono essere a disposizione. La città siamo noi tutti, ognuno con la sua piccola/grande conoscenza.  Per fare un "piano casa" è necessario, prima individuare le esigenze, poi individuarne le relazioni. Una volta individuate queste piccole ma complesse cose, allora si può avere una visione chiara per poter specializzare, ognuna zona per la propria specificità, la funzione e l'interconnessione con la città, ci auguriamo che i Nostri relatori chiariscano questi aspetti.” Per quanto riguarda la mostra i temi saranno molteplici come le tavole esposte. Prima di tutto saranno esposte tavole di studio molto interessanti : La carta idrogeologica del Lazio, una parte delle tavole del PAI (PIANO STRALCIO PER L’ASSETTO IDROGEOLOGICO),  quelle che riguardano Aprilia,  nelle quali vengono riportate le aree soggette a tutela per rischio frane od esondazioni e per finire la carta archeologica di Aprilia, realizzata dall’Assinarch circa dieci anni fa insieme all’Archeoclub, carta artigianale ma che fornisce un’efficace rappresentazione della realtà. All’allestimento della mostra, che sarà molto particolare ed innovativo, stanno lavorando gli architetti Elisabetta Casoni, Otello Lazzari e Roberto Nuti. I progettisti che esporranno sono prevalentemente di Aprilia e i temi riguardano il nostro territorio, con qualche ospite esterno. Temi anche questi molto stimolanti, tematiche urbanistiche naturalmente. Ci sarà un ampio spazio dedicato al recupero degli edifici storici della città, come il “Granaio” del Borgo medievale di Campoverde o il recupero dell’archeologia industriale o ancora la realizzazione di un parco archeologico a Fossignano, con relativo museo nei canali di drenaggio realizzati dagli antichi Rutuli nella zona Camilleri, destinati questi ultimi probabilmente a scomparire perché investiti dal tracciato dell’autostrada Roma-Latina.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica