venerdì 11 febbraio 2011

ROCCA MASSIMA: AL LAVORO CON “OBBLIGO” DI CELEBRAZIONE.


“La Festa per i 150 anni dell’Unità d’Italia non deve essere il pretesto per un ponte festivo”. Il Sindaco di Rocca Massima interviene a proposito del dibattito se è giusto celebrare l’anniversario dell’Unità d’Italia con una giornata festiva piuttosto che di lavoro. Si sono apertamente dichiarati per la giornata lavorativa, a livello nazionale, la Lega Nord, il Presidente della Confindustria e persino il Ministro dell’Istruzione Gelmini, ognuno adducendo motivazioni diverse. Singolare e provocatoria quella lanciata dal Sindaco del piccolo centro più alto dei Lepini: al lavoro con “obbligo” di celebrazione della Festa. “Non vorrei – spiega il sindaco Tomei – che la festa del 17 marzo diventi il pretesto per un lungo ponte festivo da trascorrere in località di villeggiatura, magari all’estero, lasciando semideserte e poco partecipate le manifestazioni che tante istituzioni, come noi, stanno organizzando. La mia proposta non è contro il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Al contrario va esattamente incontro agli obiettivi che l’hanno portato all’istituzione della festa. Tuttavia per evitare l’esodo verso mete turistiche lo inviterei a rivedere la decisione di indire una giornata di festa in favore di una lavorativa interamente dedicata alla celebrazione e riflessione sui valori dell’Unità d’Italia”.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica