mercoledì 2 febbraio 2011

Criminalità a Latina.

L'uccisione di Matteo Vaccaro con protagonista un gruppo di sei giovani di cui il più grande di 22 anni è di una ferocia che colpisce per la futilità dei motivi: un banale litigio e l’uccisione avvenuta due giorni dopo. Più che di criminalità, in questo caso dobbiamo palare di violenza che si è manifestata in una forma che è di minaccia incontrollata per tutti i cittadini. Ogni persona, ragazzo o meno giovane, può incappare in un "branco" o in un singolo ce è pronto a sopprimere una vita senza esitazione per un banale litigio, figuriamoci per qualche motivo di divergenza o discussione più importante. Ciascuna famiglia è minacciata da questa violenza, alimentata da una presenza di armi nella nostra Città che circolano in grande quantità. Voglio sottolineare ancora una volta la capacità e l'efficienza del Questore D'Angelo, dei suoi collaboratori, della Polizia e di tutte le forze dell'ordine, che stanno contrastando la criminalità con grande efficacia e che riescono a dare un segnale forte di risposta rapidissima alla città di Latina con l'arresto dei protagonisti. Il Ministero dell'Interno deve finalmente capire quali sono le difficoltà delle forze dell'ordine che hanno organici insufficienti, mai adeguati da decenni. Non è possibile continuare ad ignorare questo territorio, magari a favore delle città del nord, nonostante le responsabilità passate dei vertici delle istituzioni che ci propinavano statistiche rassicuranti, che tanto danno hanno prodotto al nostro territorio, oltre alla sottovalutazione dei fenomeni criminali locali che sono cresciuti a dismisura. La mentalità che considera la criminalità locale come di serie C è dura ad essere sconfitta e in molti resiste. La violenza che ha invaso le nostre strade deve essere sconfitta con un'azione costante delle forze dell'ordine che deve colpire ogni forma di violenza o di mancato rispetto della legge. Il messaggio deve essere forte e di pieno sostegno all'azione delle forze dell'ordine: deve essere chiaro a tutti che uccidere una persona come è accaduto troverà forze dell'ordine e magistratura pronte a colpire duramente i responsabili e che non c'è nessuno spazio per immaginare che "imprese" del genere possano essere il battesimo di nuove "bande criminali" che aspirano ad essere protagoniste sulla scena cittadina. La nuova amministrazione comunale dovrà essere rigorosa nel recidere ogni contatto della criminalità con le istituzioni, garantire trasparenza nell'azione di governo, sostenere con il pieno organico della Polizia Municipale e con la videosorveglianza le forze dell'ordine e sviluppare un'azione profonda e costante di politiche positive per i cittadini. I servizi nei quartieri e la loro vivibilità, servizi sociali più estesi ed efficaci, politiche per la cultura, per la scuola e di educazione e formazione dei giovani alla cittadinanza e al valore della vita sono il compito che il nuovo Sindaco dovrà assolvere insieme alla comunità cittadina, per ricostruire o rafforzare i valori di solidarietà, di tolleranza, di rispetto per la vita propria e per gli altri.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica