giovedì 27 gennaio 2011

Aprilia inaugura il Monumento dedicato alle vittime della II Guerra Mondiale.



Aprilia, 24 Gennaio 2010 – Domenica 23 gennaio, nell’ambito dei festeggiamenti per il 67° Anniversario dello sbarco degli alleati ad Anzio e Nettuno, Aprilia ha inaugurato un Monumento dedicato alle vittime della II Guerra Mondiale. La cerimonia, che si è svolta a Campo di Carne, ha avuto inizio con il raduno delle Associazioni Combattentistiche, delle Autorità Civili e Militari e con la deposizione della corona d’Alloro ai piedi dell’opera scultorea,  il tutto sulle note della “Canzone del Piave” e dell’ Inno di Mameli eseguiti dalla banda musicale “La Pontina”. “Per la prima volta, Aprilia – ha dichiarato il sindaco D’Alessio durante il suo discorso - è stata inserita nel programma delle cerimonie del 67° Anniversario dello Sbarco degli Alleati, al fine di commemorare tale giorno con le città di Anzio e Nettuno. Siamo qui oggi per ricordare ed onorare gli oltre 50 mila soldati che morirono in questi luoghi. Il 22 gennaio del 1944, gli eserciti alleati sbarcarono sulle spiagge di Anzio e Nettuno con lo scopo di aggirare le forze tedesche attestate sulla Linea Gustav e di conquistare Roma. Ci vollero più di 4 mesi per percorrere i 50 km che separano Anzio dalla capitale ed il nostro territorio fu teatro di sanguinosi scontri. Aprilia venne bombardata e la popolazione fu costretta a fuggire.  Un anno fa, in questa stessa occasione, in riconoscenza del sacrificio dei soldati che persero la vita per difendere la nostra patria  e per dare a questi luoghi il giusto valore storico, abbiamo preso l’impegno di fissare un monumento. L’opera che oggi inauguriamo trasmetterà la memoria di questi eventi alle generazioni future. Il 2011 è per noi un anno ricco d’importanti eventi – ha aggiunto il Primo Cittadino - festeggeremo il 75° Anniversario della città di Aprilia e il 150° Anniversario dell’ Unità Nazionale. Da oggi, con l’inaugurazione di questo monumento, inizierà dunque un percorso volto a promuovere e rafforzare la memoria storica  come principale risorsa per la costruzione di una propria identità ma soprattutto per consolidare il senso di appartenenza ad una “comunità apriliana”. Il Monumento, intitolato il “Graffio della Vita” è stato realizzato gratuitamente dalle società “ Bonato Edilizia” ed “Artigiana Marmi”  ed è stato ideato dal Maestro Claudio Cottiga. “ L’opera – ha spiegato l’artista – è un parallelepipedo in travertino con inserti in ceramica, alto due metri e mezzo, che riporta sui tre lati il ricordo dei combattenti che hanno perso la vita su questo territorio nelle tre lingue degli eserciti combattenti, italiano, tedesco ed inglese. Il Graffio della Vita vuole rappresentare le ferite che il Mostro della guerra ha lasciato con i suoi artigli sul territorio e sulla popolazione, causando la morte di tanti soldati e civili”. Il Monumento è stato in seguito benedetto dal Parroco di Campo di Carne. Erano presenti all’inaugurazione: il Senatore Candido De Angelis, il Consigliere della Provincia di Latina Massimo Bortolameotti, il Vicesindaco del Comune di Nettuno Alberto Andolfi, l’Assessore alle Politiche della Scuola ed Edilizia Scolastica del Comune di Anzio Marco Del Villano, l’Assessore alla Cultura e Sanità  del Comune di Pomezia Stefano Arciero, il Colonnello Michele Miceli del Comando Trasmissioni ed Informazioni dell’Esercito, il Colonnello Sergio Palamà del Comando Artiglieria Contraerea Esercito Sabaudia, il Colonnello Falchi della Polizia di Stato, il Maggiore Luca Nuzzo comandante della Compagnia Carabinieri di Aprilia, il Luogotenente della Guardia di Finanza di Aprilia, il Caporeparto dei Vigili del Fuoco di Latina Francesco Cavallo, il Comandante della Polizia Locale di Aprilia Massimo Giannantonio ed i rappresentanti delle Associazioni Artiglieri, Alpini e Bersaglieri di Aprilia.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica