martedì 23 novembre 2010

Nettuno: Presentazione del libro "L'enigma" di Attilio Manca, 28/11/10.

Domenica 28 Novembre, alle ore 17.00, presso la Sala Consiliare del Comune di Nettuno, verrà presentato dal Consiglio Comunale dei Giovani e dall'Associazione Culturale Libertà e Azione il libro "L’enigma di Attilio Manca. Verità e giustizia nell’isola di Cosa Nostra". Interverranno Gianluca Manca, dell'Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia e fratello di Attilio, Giuliano Girlando delle Agende Rosse di Paolo Borsellino, Ivo Iannozzi direttore de Il Granchio e Simone Bosco di Libertà e Azione. Modera Valerio Scalia, Presidente del Consiglio dei Giovani. “Sono lieto di presentare - spiega Scalia - un prezioso scritto che elenca tutto il non detto e gli scenari nascosti sulla misteriosa morte dell’urologo di San Donà di Piave". Scritto dal giornalista spagnolo Joan Queralt nel 2008 è arrivato in Italia solo nel 2010 con la traduzione di Olga Nassis provocando una lunga serie di contestazioni. Lo scrittore spagnolo si muove fra luci ed ombre di un caso che a distanza di anni lascia ancora sconcertati in molti. Attilio Manca, barcellonese di origini italiane, era ancora un giovane medico quando fu trovato cadavere nella sua abitazione di Viterbo il 12 febbraio del 2004, vittima di un cocktail di droghe, alcool e barbiturici che spinsero all’archiviazione del caso ritenuto un suicidio. I genitori si opposero subito all’archiviazione facendo luce sul fatto che il figlio potesse essere una vittima di mafia, eliminata per mantenere nascosto un intervento subito da Bernardo Provenzano a Marsiglia l’anno precedente. Inoltre la frattura del setto nasale e la volontà suicida di un brillante e giovane medico di grande successo destavano dubbi anche ai meno esperti del caso, senza contare che l’eroina era stata iniettata nel braccio sinistro di Manca che però era mancino come fatto presente più volte dai genitori. Numerosi fattori legano il giovane medico all’operazione avvenuta a Marsiglia nella clinica “La Ciotat” a beneficio del capomafia fra cui le inequivocabili intercettazioni di Francesco Pastoia (trovato impiccato nella sua cella nel 2005) che parlava del viaggio di Bernardo Provenzano a Marsiglia nel 2003. Un alone di mistero circonda la figura del cugino della vittima Ugo Manca, legato alla criminalità organizzata ma totalmente ignorato dalle indagini, poi riaperte nel 2009. Il testo, paragonato a "Cronaca di una morte annunciata" di Gabriel Garcia Màrquez per la scorrevolezza e la chiarezza nell’esposizione è nato dall’incontro fra l’autore e Angelina Manca, madre di Attilio. Queralt ebbe modo di conoscere il giovane medico tramite i racconti dei familiari e si sentì moralmente e editorialmente obbligato alla pubblicazione di un caso di interesse nazionale. Alle tante diffide subite dal testo hanno risposto a turno Antonello Mangano di Terrelibere.org e lo stesso autore definendosi “obbligati  a continuare a parlare di un libro che non fa altro che raccontare fatti”. La presentazione di un testo troppo a lungo osteggiato e oscurato non può che far luce su una vicenda purtroppo nota a pochi ma estremamente significativa e rilevante, simbolo di una verità che , in ogni caso, non può più essere nascosta. Per ulteriori informazioni potete contattare il consiglio all'indirizzo e-mail ccgnettuno@gmail.com oppure potete trovarli su Facebook al gruppo"Consiglio dei Giovani di Nettuno".
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica