venerdì 19 novembre 2010

La Polverini porta il termovalorizzatore a Latina per bruciare i rifiuti di Roma.

Venerdi la Giunta Polverini approverà il Piano rifiuti con la previsione di un altro impianto, che verrà scaricato su Latina per risolvere i problemi di Alemanno. L'esaurimento e la chiusura di Malagrotta con l'entrata in funzione del gassificatore hanno cacciato in un  vicolo cieco la Polverini, che invece di far assumere la responsabilità ad Alemanno di fare scelte per le esigenze di Roma, si è incaricata di trovare soluzioni a Roma o in provincia di Roma non riuscendo, come era prevedibile, a trovare l'accordo. A fronte delle insistenze di Cusani per realizzare a tutti i costi il termovalorizzatore a Latina, si è vista servire su un piatto d'argento la soluzione per Roma: un altro impianto si farà a Latina per risolvere il problema dei rifiuti di Roma. E' notorio che la produzione dei rifiuti della provincia di Latina non è sufficiente a sostenere economicamente i costi dell'impianto e in caso di realizzazione si sarebbe costretti ad importare rifiuti dalla Campania e da altre province o Regioni. Ora la sostenibilità è assicurata perchè Latina verrà asservita alle esigenze di produzione di rifiuti di Roma, altro che la balla dell'autonomia della provincia di Latina nel ciclo dei rifiuti. Ma vi è di più. L'assessorato regionale all'Ambiente è fortemente preoccupato delle infiltrazioni criminali in particolare nel settore dei rifiuti e degli impianti e dare oggi il termovalorizzatore a Latina rappresenta un invito alla criminalità a gettarsi a capofitto sull'affare. Ma tant'è: le esigenze di Roma e lo scontro con Alemanno fanno premio su ogni considerazione di merito - ossia non ci sono rifiuti a sufficienza per giustificare l'impianto - e su ogni preoccupazione di infiltrazione criminale ... ma sì in fondo, il ragionamento che sta prendendo piede, a Latina la situazione è già compromessa.  E' inaccettabile diventare la discarica di Roma e realizzare il termovalorizzatore per Roma e quanto alla criminalità la Polverini deve sapere che ci sono tante forze sane che lottano e che non hanno intenzione di mollare. Invitiamo al Polverini a non cedere e a non scaricare i problemi di Roma sul nostro territorio: dopo l'umiliazione della sanità con i tagli di Sezze e Gaeta e con il declassamento del DEA di II livello di Latina pur essendo una AUSL senza deficit, l'ennesima penalizzazione è davvero troppo. Noi ci batteremo e spiegheremo ai cittadini, che l'hanno votata anche loro Presidente, quale è la considerazione che ha per la provincia.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica