mercoledì 20 ottobre 2010

Presentata la III Edizione del Latina Film Found




Arriva alla sua III edizione il Latina Film Found il premio di scrittura documentaristica bandito dalla Latina Film Commission, con il contributo della Regione Lazio, per raccontare il territorio pontino. “L’edizione 2011 si avvale di nuovi collaboratori che presentiamo oggi”,  ha detto il presidente della Latina Film Commission, Raoul Malagola nella conferenza stampa che si è svolta nella Sala Conferenze del Museo Duilio Cambellotti a Latina, alla presenza dell’assessore provinciale ai Fondi Europei, Marco Tomeo. “La Fondazione Latina Film Commission– ha detto l’assessore – è un prezioso strumento che abbiamo intenzione di far crescere anche adoperandoci per intercettare i fondi europei destinati all’audiovisivo”. “L’obiettivo del Latina Film Found - ha ripreso Malagola - resta quello di raccogliere, attraverso un concorso, soggetti che riguardino storie di luoghi e di persone del nostro territorio con il fine ulteriore di farne documentari, proponendo, quest’anno, alcune significative novità”. In primo luogo l’edizione del Found si avvale del coordinamento dell’attore di Latina Clemente Pernarella e della collaborazione dello scrittore Antonio Pennacchi cui spetterà il compito di leggere le storie e giudicarle: “Saranno premiate solo se saranno belle, e saranno belle se, oltre ad essere raccontate bene, parleranno del vero”, assicura il vincitore del Premio Strega, che sarà in giuria insieme con il regista, Mimmo Calopresti e con il produttore della Four Lab, Paolo Trombetti. Il Fondo è stato illustrato nei dettagli dal coordinatore, Clemente Pernarella: “Il bando sarà grossomodo simile a quello dello scorso anno, con alcuni indirizzi specifici, e io avrò il compito di seguire i vincitori come “tutor” nella realizzazione del prodotto, che cercheremo così di offrire al mercato. Ci rende molto felici - aggiunge Pernarella - l’autorevole presenza di Pennacchi, che aldilà dei riconoscimenti ricevuti nell’ultimo anno, è assolutamente adatto a questo fondo, perché una delle cose più interessanti della sua scrittura è proprio il rapporto con questo territorio, filtrato da una profonda conoscenza di esso, e dalla volontà di raccontare storie di luoghi e di persone: è la radice del documentario stesso”. Il bando, che sarà pubblicato entro la fine del mese, è aperto quest’anno anche agli autori esteri: “E’ una delle trasformazioni più importanti del Fondo - spiega il direttore Piccolo - L’apertura al mercato internazionale ci offrirà l’occasione di verificare come uno sceneggiatore straniero possa leggere “una storia pontina”. Il bando sarà presto sul sito dedicato: www.latinafilmfound.it (di prossima apertura).
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica