domenica 10 ottobre 2010

Aprilia sceglie la Cultura.



E’ stato un po’ come tornare indietro nel tempo, fino ai primi del ‘900  quando, nelle maggiori capitali europee il Salotto culturale costituiva il ‘nido’ prediletto di artisti, uomini e donne di pensiero. Ci si trovava a discutere e confrontarsi sulle opere letterarie, artistiche, musicali, dando così spazio, attraverso la libera espressione delle proprie idee, allo spirito variegato della cultura in tutti suoi aspetti. Una scommessa questa, dell’Amministrazione Comunale e dell’Assessore alla Cultura Patricia Renzi che hanno trovato immediati consensi nella città. Già l’anno scorso con ‘Il salotto all’ombra del grattacielo’, manifestazione sempre coordinata nella direzione artistica dall’Associazione ‘Il vaso di Pandora’ e condotta dall’abile e ospitale Prof.ssa Maria Ausilia D’Antona,  chi voleva conoscere la realtà apriliana nella sua espressione culturale più autentica e creativa ha potuto constatare l’enorme quantità di fermenti e produzioni che convivono in una città ancora troppo poco conosciuta sotto questo meraviglioso aspetto. – Nell’arco dei quattro giorni di salotto – sostiene la Renzi -hanno partecipato oltre sessanta artisti locali: adulti, giovani, bambini, rappresentativi di una vita culturale densa di contenuti nobili e costruttivi per se stessi e per la nostra  città. Ma tante altre – prosegue l’Assessore – sono le realtà a cui  vorremmo offrire il meritato spazio nei prossimi appuntamenti in programma. Il salotto, inaugurato nello spazio adiacente al grattacielo il 29 settembre nell’ambito dei festeggiamenti di San Michele,  si è trasferito nei giorni successivi al centro, nella piazza sotto la fontana, tra e con la gente, le sue bancarelle, le grida e i giochi dei bambini. Una scenografia meravigliosa che fa presagire una nuova stagione per Aprilia che, considerate le decine di persone che di volta in volta si accomodavano davanti al palco, sceglie sempre più consapevolmente la cultura. Numerosi gli ospiti e di grande spessore gli argomenti: dalla regressione psichica con la dott.ssa Anna Giusti, alla speleologia con l’Associazione ‘Sotterranei di Roma’, all’editoria con scrittori come Vanni De Simone, Pierluigi Felli e molti altri. – E’ questa la strada giusta da percorrere – prosegue Patricia Renzi – se vogliamo creare una coscienza sociale e una collettività che sappia investire sulla peculiarità del suo tessuto culturale. La nostra è l’enorme proliferazione d’associazioni, la professionalità di artisti di grande calibro, la multiregionalità che ci caratterizza. Occorre investire tempo, energie e risorse con uno spirito di fruttuosa e trasparente collaborazione. Credo che, nel prossimo futuro, non incrementare tutta questa ricchezza vorrebbe dire infliggere una profonda ferita alla nostra città, perdere l’opportunità per un salto qualitativo legato al suo orientamento socio-culturale e produttivo, il che sarebbe molto più dispendioso per l’Amministrazione e i suoi cittadini, privati di un sostanziale collante che vada ad inglobare le forze vive, soprattutto giovanili. Si, - afferma soddisfatta l’Assessore - non posso che essere felice. La calda presenza e collaborazione delle Associazioni, dei ragazzi, dei genitori e degli insegnanti, ma soprattutto la risposta attiva della gente di Aprilia e delle località limitrofe hanno confermato la giustezza delle mie linee programmatiche già in atto, e in fase di ulteriori sviluppi. Appuntamento, dunque, al prossimo salotto. Sulle ali della cultura e dell’arte.
Share on :

0 commenti:

Posta un commento

 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica