Nettuno: Festa di Santa Maria Goretti XXXVI Rassegna delle Corali Polifoniche.

lunedì 26 giugno 2017

La comunità Passionista del Santuario Pontificio Madonna delle Grazie e S. Maria Goretti ha ormai, da tempo, collaudato l’organizzazione di eventi di notevole spessore culturale e non solo di carattere esclusivamente religioso. L’appuntamentio annuale, in concomitanza della Festa in onore di Santa Maria Goretti, contribuisce ad aumentare il prestigio della Basilica che gode già di fama mondiale per essere il luogo ove riposano le spoglie della Santa che ha lasciato un segno indelebile nella storia di Nettuno e nei cuori delle persone. La consueta festa in onore di S. Maria Goretti è collegata alla rassegna delle corali polifoniche che viene organizzata con l’apporto insostituibile della “Corale città di Nettuno”. La rassegna quest’anno è giunta alla 36^ edizione. Negli anni ha ospitato Cori di notevole prestigio provenienti dall’Italia e dall’estero offrendo alla cittadinanza incontri musicali di notevole interesse culturale. La rassegna quest’anno ospita cori provenienti da Ortona a Mare, Fermo, Orvieto e Rieti; è distribuita su tre giornate : venerdì 30 giugno, domenica 2 luglio e venerdì 7 luglio. Giovedì 6 luglio, festa di S. Maria Goretti, la “Corale Città di Nettuno” animerà la Santa Messa delle ore 18. Il coro “San Leonardo” di Ortona nasce dopo la guerra, periodo in cui la gente aveva voglia di tornare alla vita, riscoprire le tradizioni, i canti e tutto ciò che era legato al passato. Il direttore è il M° Lorella Palumbi. Il coro femminile ”Eos” di Roma nasce dall’esperienza maturata tra il 1995 e il 2000 come coro di voci bianche ”Primavera”. Il gruppo si dedica allo studio di varie forme di musica corale dal medioevo alla musica popolare, ma con particolare attenzione alla musica contemporanea. Il Direttore è il M° Fabrizio Barchi. La Corale ”Santa Lucia” del Duomo di Fermo nasce nel 1976. Nel 1986 viene ufficialmente nominata Cappella del Duomo di Fermo iniziando a specializzarsi nel repertorio sacro, con particolare riguardo alle composizioni dei maestri di Cappella della Cattedrale come Giordani, Conforti, Celsi, Virgili. Il Direttore è il M° Annarosa Agostini. La Corale ”Vox et Jubilum” della Cattedrale di Orvieto nasce nel 2002. L’impegno principale della corale è il servizio musicale alle solenni liturgie della Cattedrale orvietana. In parallelo svolge, altresì, una considerevole atttività concertistica nella propria città e in Italia. Il Direttore è il M° Stefano Benini. Il Coro “C.A.I.” (Club Alpino Italiano) di Rieti nasce nel 1994 allo scopo di conservare il prezioso patrimonio dei canti di Montagna e degli Alpini e mantenere viva la pratica del canto corale come messaggio di cultura e di partecipazione. Il Direttore è il M° Emanuele Stracchi. Il Coro polifonico “Salvo D’Acquisto” di Roma costituitosi sotto l’Alto Patronato dell’Ordinariato Militare per l’Italia, è una formazione amatoriale che riunisce personale in servizio e in congedo di ogni grado, e familiari e amici che si ispirano a valori tradizionali del mondo militare. Per sua natura e finalità istituzionali, è stato ufficialmente riconosciuto da ASSOARMA come “Coro Interforze della Famiglia Militare”. Il Direttore è il M° Don Michele Loda. Tutti i cori hanno svolto attività liturgica o concertistica o entrambe in ambito regionale, nazionale e internazionale prendendo parte a rassegne prestigiose. Per il Santuario e per l’intera città di Nettuno è un onore celebrare attraverso il messaggio universale della musica la giovane Martire. E’ bello credere che la scala che gli Angeli si sono dimenticati di ritirare sia la scala musicale, capace di unire la terra al cielo.
Read Post | commenti

COLLOCAZIONE DI UNA NUOVA STATUA DI S. BARBARA SUL MONUMENTO A NETTUNO.


Alle ore 11 di mercoledì 21 giugno 2017, presso il monumento dedicato a Santa Barbara posto a Nettuno in Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto (all’inizio di Via Santa Barbara dell’omonimo quartiere nettunese) in una bella aiuola molto ben preparata e ben messa a nuovo a cura dell’Amministrazione Comunale, organizzata dalla Sezione di Nettuno dell’Associazione Nazionale Artiglieri d’Italia, si è tenuta una semplice ma significativa Cerimonia per collocare, finalmente, una nuova Statua raffigurante la Santa Patrona degli Artiglieri, dei Minatori, dei Genieri, degli Artificieri, dei Marinai e dei Vigili del Fuoco, al posto di quella in bronzo, oggetto, nella notte tra il 6 e 7 ottobre 2016, di un sacrilego furto vandalico da parte di ignoti. La cerimonia si è svolta alla presenza delle più alte autorità civili, militari e religiose delle Città di Nettuno e di Anzio, del Presidente Nazionale A.N.Art.I., del Delegato Regionale A.N.Art.I. del Lazio, delle Rappresentanze di Ufficiali, Sottufficiali di Artiglieria e Dipendenti Civili della Difesa dell’U.T.T.A.T. di Nettuno e della Brigata RISTA EW di Anzio, e delle Bandiere e dei Labari delle consorelle Associazioni Combattentistiche e d’Arma di Anzio e Nettuno; in particolare, è stata notata la presenza della C.R.I., della Rappresentanza dei Vigli del Fuoco del Distaccamento di Anzio, di Rappresentanti del Comitato di Quartiere di Santa Barbara e di tutti quei nettunesi (tanti) che ci hanno sollecitato e supportato per l’occasione. A tutti va una grazie di cuore per la loro partecipazione e vicinanza all’Associazione. Seguendo i precisi e tempestivi comandi dettati da un Artigliere della Brigata RISTA-EW, il 1° Mar. Lgt. a. c/a Mario Giordano, all’uopo incaricato dal Presidente Vicini, si effettuava la benedizione della statua a cura di Don Luca De Donatis, Parroco della Chiesa di Santa Barbara, e la deposizione di una corona di fiori da parte del Presidente della Sezione A.N.Art.I. di Nettuno, cav. Walter Vicini, accompagnato dall’Assessore dott. Giuseppe Aquino, in rappresentanza del dott. Angelo Casto, sindaco di Nettuno, dal Ten. Col. Alessandro Messina, in rappresentanza del Gen.B. Giuseppe Tortorelli, Comandante la Brigata RISTA-EW di Anzio, dal Ten.Col. Giuseppe Tirnetta, in rappresentanza del Col. Angelo Assorati, Direttore dell’U.T.T.A.T. di Nettuno, dal T.V. (CP) Alessandro Cingolani, Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Anzio, dal Gen. Rocco Viglietta, 11° Presidente Nazionale dell’A.N.Art.I. e dal Col. Antonio Sarchioto, Delegato Regionale A.N.Art.I. per il Lazio. A seguire, a cura di un Militare in servizio sempre della Brigata RISTA-EW di Anzio, è stata data lettura della Preghiera a Santa Barbara. Si sono, poi, succedute, sotto un bel caldissimo sole marino, le allocuzioni del Presidente della Sezione A.N.Art.I. di Nettuno, che ha fatto un breve escursus sulla Storia dell’Artiglieria a Nettuno, città unanimamente riconosciuta quale “Culla dell’Artiglieria Italiana” in quanto già nel 1888 vi nacque presso la Caserma Piave il 1° Reparto di Artiglieria del neo Regio Esercito Italiano e poi, sempre nella stessa Caserma, nel gennaio 1915, fu costituito il 1° Reparto di Artiglieria Contraerei e sulle motivazioni che hanno portato a collocare una nuova statua raffigurante Santa Barbara sullo stesso Monumento che aveva già visto la posa di un’altra statua in bronzo nel 1985, trafugata lo scorso anno; dell’Assessore Aquino che, portando i saluti e gli auguri del Sindaco, Dott. Angelo Casto, faceva presente che la Statua verrà subito rimossa dopo la Cerimonia per evitare danneggiamenti dovuti ai lavori in atto per la sistemazione totale della Piazza e vi sarà collocata definitivamente solo quando saranno pronte le debite protezioni per la salvaguardia della statua stessa costruita in terracotta bronzata; del Presidente Nazionale A.N.Art.I. che ringraziava tutti per la vicinanza all’Associazione in tutti quei momenti delicati attraversati dalla Sezione di Nettuno per la preparazione e l’esecuzione di queste Celebrazioni. Al termine, con un pizzico di emozione che traspariva dalla voce, riprendeva la parola il Presidente della Sezione di Nettuno per ringraziare vivamente tutte le Autorità intervenute, le Associazioni Combattentistiche e d’Arma, la C.R.I., i Vigili del Fuoco ed i Rappresentanti del Comitato di Quartiere di Santa Barbara presenti all’evento, nominandoli uno per uno, ringraziando la Polizia Locale del Comune di Nettuno per l’ottimo servizio d’ordine effettuato prima, durante e dopo la Cerimonia in argomento. Al termine della cerimonia, è seguito un pranzo sociale anche per festeggiare onorevolmente la data del 15 giugno, Festa della nostra beneamata Arma di Artiglieria, denominata la “Dotta”. In precedenza, il martedì 20 giugno 2017, alle ore 17, presso la sala consiliare del comune di Nettuno, onorevolissima “location”, gentilmente concessaci per la bisogna dal Comune stesso nella persona del Presidente del Consiglio Comunale, dott. Giuseppe Nigro, si è proceduto alla cerimonia di presentazione ai cittadini nettunesi della nuova statua raffigurante Santa Barbara ed alla illustrazione agiografica della statua stessa. Erano presenti all’evento tantissimi concittadini e moltissimi Soci A.N.Art.I. della Sezione di Nettuno accompagnati dalle rispettive signore, i quali, per l’occasione, indossavano il basco e il fazzoletto giallo con lo Stemma della nostra Associazione: ERA DECISAMENTE UN BEL COLPO D’OCCHIO, UNA MERAVIGLIOSA “MACCHIA” GIALLA che nel caldo pomeriggio nettunese illuminava la penombra della Sala Consiliare; era presente anche il Presidente Onorario di Sezione, cav. Berardino Falcone, un Rappresentante della Sezione ANGET di Anzio-Nettuno, cav. Sabatino Caputo ed il Presidente del Gruppo IEW di ASSOINFORMAZIONI, cav. Ignazio Frau. Una piacevolissima sorpresa è stata l’inaspettata e graditissima entrata nella sala consiliare del sindaco, dott. Angelo Casto che, desiderando salutare i convenuti, ha voluto vedere di persona la statua che faceva bella mostra di se sul tavolo predisposto e conoscere personalmente l’autore del manufatto, chiedendogli moltissime specifiche delucidazioni in merito; il Sindaco ha poi ringraziato tutti per l’encomiabile e coraggiosa decisione di realizzare una statua cosiffatta, intrattenendosi cordialmente con i presenti; al termine della visita, il Presidente della Sezione A.N.Art.I. di Nettuno ha fatto dono al Sindaco del crest della sezione, al Presidente del Consiglio Comunale ed alla dott.ssa Samantha Stivaletti di due fermacarte realizzati in terracotta bronzata, come la statua, riproducente lo Stemma dell’A.N.Art.I.. Si dava allora inizio alla Cerimonia di presentazione della statua con un intervento del Presidente di Sezione, cav. Walter Vicini, che faceva notare come la Città di Nettuno sia sempre stata legata all’Artiglieria Italiana, avendo dato i natali nel 1888, presso la Caserma Piave, al 1° Reparto di Artiglieria del neo costituito Regio Esercito Italiano, nonché nel gennaio 1915 al 1° Reparto di Artiglieria Contraerei cui egli si onora di appartenere. Il Presidente faceva, altresì, presente la storia della Statua in bronzo di S.Barbara sacrilegamente trafugata da ignoti nell’autunno dello scorso anno, dono degli Operai del Poligono di Nettuno all’allora Direttore, Gen. Pallieri, il quale, in memoria del padre Vittorio, la donò alla Sezione A.N.Art.I. di Nettuno, allora presieduta dal S.Ten. Freiles, che, a sua volta, la donò alla Città di Nettuno, ponendola sul Monumento ancor oggi esistente, ideato dal Gen. di Artiglieria Luigi Calcagno, il 5 maggio 1985; nonché egli rammentava lo storico ed illuminante incontro nel novembre 2016 con il Maestro Ferdinando Prof. Fornaro, Presidente della Associazione Culturale “IBIS-ONLUS”, il quale, compreso il dramma di noi Artiglieri e della comunità nettunese, si è, con un gesto veramente encomiabile, offerto di realizzare e poi donarci una nuova statua di S.Barbara; UNICO VINCOLO, sarebbe stato il rappresentare la Santa sempre secondo l’iconografia imperante, ma secondo i suoi intendimenti visualistici e artistici. Incassato il parere favorevole del Direttivo dell’”IBIS-ONLUS”, la “palla” è passata al Direttivo della Sezione A.N.Argt.I. di Nettuno che, senza pensarci troppo sopra, ha accettato con estrema felicità e sollievo quel dono inaspettato veramente piovuto…..dal Cielo….ed anche…..dagli uomini! Ecco allora il manufatto, opera magnifica del vulcanico prof. Fornaro. Dopo i debiti ringraziamenti al Maestro, il Presidente di Sezione riteneva giusto dare un cenno sulle molteplici attività dell’Associazione Culturale “IBIS-ONLUS”. Essa nasce in Nettuno, riunendo altre piccole realtà culturali e quivi opera da oltre trenta anni con iniziative proprie o promosse dal Comune di Nettuno con dimostrazioni laboratoriali e con allestimenti di spazi creativi per bambini ed adulti; ha organizzato spesso attività teatrali e musicali presso il Forte Sangallo, nel Borgo Medievale e presso i propri spazi posti nei locali della sede sociale situata in Via Menni (già Divina Provvidenza). Durante tutto l’anno, sempre presso i propri laboratori, effettua corsi di ceramica artistica, di ebanisteria e restauro (decorazione e scultura), di arte dei metalli ed oreficeria (cesello e sbalzo); di disegno e pittura, mettendo anche a disposizione di esterni i predetti spazi teatrali e musicali. Per informazioni: www.ibisonlus.com. A questo punto, la parola passa all’esimio autore materiale della nuova Statua di S.Barbara, Maestro Ferdinando Prof. Fornaro, che effettuerà una dettagliata e minuziosa descrizione dei “movimenti” assunti dalla sua creatura artistica e delle motivazioni sulla scelta dei materiali adottati. Dopo una illustrazione data con ogni dovizia di particolari culturali, artistici ed iconografici della Santa, alcuni dei presenti sono intervenuti per richiedere ulteriori delucidazioni e spiegazioni in merito. Terminata l’esposizione, effettuate infinite foto di prammatica da parte di molti fotografi alla statua ed ai presenti, il Presidente di Sezione ringrazia, ancora una volta, di vero cuore, tutte le Autorità Comunali intervenute per la risoluzione dei problemi connessi. Grazie di cuore a tutti.
Cav. Walter Vicini, Presidente della Sezione A.N.Art.I. di Nettuno
Read Post | commenti

LA CORALE CITTA’ DI NETTUNO IN CONCERTO NELLA BASILICA DI SANT’AGNESE FUORI LE MURA DI ROMA.

mercoledì 31 maggio 2017

Domenica 28 maggio, ad una sola settimana dalla felice trasferta in Umbria ad Assisi, la corale “Città di Nettuno” annovera un ulteriore successo nella maestosa Basilica di Sant’Agnese fuori le mura a Roma. Il Coro polifonico della Basilica di Sant’Agnese ha dato prova, unitamente alla corale di Nettuno, di saper affrontare brani anche molto impegnativi e per cui è necessaria una grande disciplina ritmica. La versatilità dei brani proposti, per lo più, vista la meravigliosa cornice, di carattere sacro, con i loro suoni potenti e struggenti allo stesso tempo, ha favorevolmente impressionato il numeroso pubblico presente. La qualità della prova delle due corali è stata molto apprezzata ed ha ampiamente ripagato il paziente e meticoloso lavoro fatto dai due Maestri, Roberto Musto per la Corale di Sant’Agnese e Stefano Terribili per la Corale di Nettuno. Nelle esecuzioni dei brani a cori riuniti, in cui sono stati eseguiti l’Ave Verum di Mozart e l’Inno alla Gioia dalla nona sinfonia di Beethoven, è stato possibile riconoscere nei cantori la stessa sensibilità nell’approccio musicale e il medesimo rigore. Nell’ascoltare l’armonia e l’equilibrio dell’esibizione viene spontaneo il raffronto con una performance orchestrale. Infatti già il grandissimo e impareggiabile direttore d’orchestra Claudio Abbado ricordava queste affinità. Diceva che in un coro ogni persona deve essere concentrata sulla relazione della propria voce con le altre. Quindi imparare a cantare insieme significa imparare ad ascoltarsi l’un l’altro.Il coro, quindi, come l’orchestra è l’espressione più valida di ciò che sta alla base della società: la conoscenza e il rispetto del prossimo che si veicolano anche attraverso l’ascolto reciproco e la generiosità nel mettere le proprie risorse migliori al servizio degli altri. Valori,tra l’altro che sintetizzano in pieno il pensiero religioso. Il coro polifonico della Basilica di Sant’Agnese, già ospite a Nettuno nella rassegna annuale per la festa di Santa Maria Goretti, nasce nel 1980 e, dal 1999, è diretto dal M° Roberto Musto. La Corale ha un repertorio che spazia dalla polifonia rinascimentale, sacra e profana, fino alla musica contemporanea; ha partecipato a numerose rassegne corali e concerti sia in Italia che all’estero a volte insieme a diverse formazioni orchestrali. La prova già di per sé assolutamente impeccabile si è avvalsa di una cornice che ha reso il tutto indimenticabile: la serata di maggio con il tipico tepore romano e i suoi odori, ma soprattutto la visione dei Cori riuniti sotto lo splendido catino absidale della Basilica. La decorazione musiva con la Martire immobile e assorta al centro del catino con ai piedi gli strumenti del suo martirio, spada e fuoco, con l’empireo stellato dal quale sporge la mano divina che regge una corona sul capo della Santa è stata una visione che resterà negli occhi degli astanti come resterà nei cuori la melodia dei brani ascoltati. Dopo i sentiti ringraziamenti per la generosa e affettuosissima ospitalità la Corale città di Nettuno ha omaggiato il parroco di Sant’Agnese fuori le mura con un quadro raffigurante l’immagine di Santa Maria Goretti. Due Sante: Agnese e Maria Goretti, martiri entrambe per conservare la loro purezza, una comune visione nel servire Dio. Anche attraverso questa linea spirituale che lega le due Corali si spera che i rapporti, già saldi, possano essere duraturi e proficui e le due realtà corali possano nel tempo incontrarsi con maggiore assiduità.
Read Post | commenti

LA CORALE “CITTA’ DI NETTUNO” ALLA RASSEGNA DI ASSISI.

mercoledì 24 maggio 2017

La corale "Città di Nettuno"
Domenica 21 maggio un nuovo viaggio musicale ha visto la corale polifonica ”Città di Nettuno” spostarsi in Umbria con destinazione Assisi. Il coro cittadino, diretto dal M° Stefano Terribili con l’accompagnamento al flauto del M° Francesco De Felice e al pianoforte del M° Luca Spinosa, ha partecipato alla rassegna canora ove erano presenti anche i cori polifonici corale “Cantori Umbri” e Corale Polifonica “Beata Assunta” di Force (Ascoli Piceno). Il coro “Cantori Umbri” è attivo da oltre venti anni, e ha partecipato con successo a concorsi regionali e nazionali con un repertorio che spazia dallo spiritual al rinascimentale, dal classico al contemporaneo sia sacro che profano. Il coro “Cantori Umbri” ha iniziato la sua attività nel 1995 costituito da un gruppo di persone che, animate dalla passione, si sono unite per esprimere un ensemble vocale con delle qualità peculiari e non riconducibile ad un semplice coro di chiesa. Dei diversi direttori succedutisi in principio, la scelta dei Cantori Umbri è poi ricaduta sul M° Rita Gasparrini che, per le sue doti di profonda conoscenza della musica, di qualsiasi genere, e scrupolosa professionalità, ha rappresentato la svolta per dare a questo gruppo quello spirito e quelle competenze in più in grado di portare il coro a livelli di raffinata esecuzione. La Corale Polifonica “Beata Assunta” di Force è sorta nel 1983 ed ha ormai consolidato collaborazioni e scambi culturali con formazioni di molti paesi europei ed extra europei a loro volta ospitati alla rassegna polifonica internazionale ”VIRGO LAURETANA”. L’evento è un appuntamento ormai consolidato e da oltre vent’anni è un momento di notevole prestigio per l’entroterra piceno. I cori hanno animato la manifestazione in onore di San Pasquale Baylon. Ogni anno, ad Assisi, in località Castelnuovo, è previsto un periodo di circa dieci giorni di festeggiamenti in cui si celebra il Santo con varie attività che annoverano eventi musicali, sportivi e culturali. Quest’anno l’evento si è tenuto dal 12 al 21 maggio e Castelnuovo ha accolto numerosissimi visitatori attirati dalle varie iniziative che hanno reso l’ appuntamento un evento da non perdere. Tra le altre proposte ogni sera era presente una mostra di pittura, una mostra fotografica, una mostra di lavori artistici e una pesca benefica. Nella Chiesa di San Girolamo, con le splendide vetrate policrome a sovrastare la navata, i tre cori partecipanti alla rassegna si sono esibiti dinanzi ad un numeroso ed attento pubblico di amanti il “bel canto”. La rassegna si è aperta con l’esibizione dei Piccoli Cantori Umbri che con la loro freschezza e l’entusiasmo propri della giovane età hanno creato un clima festoso e di grande gioia. La corale polifonica ”Città di Nettuno”, accolta con grande e caloroso affetto ha partecipato alla rassegna presentando un repertorio ampio e ben assortito che, come spesso avviene, ha spaziato nelle sonorità sacre e profane. La corale ha esordito con due brani in gregoriano eseguiti dalla sezione maschile, per proseguire con cinque pezzi musicali di Vivaldi e infine concludere con brani lirici e gospel; il tutto eseguito in modo estremamente impeccabile e rigoroso. Il trasporto e l’attenzione prestate durante le esibizioni sono state il chiaro segnale del successo della manifestazione. Sicuramente la neofita rassegna “Tutti i colori della musica” al secondo anno dalla sua costituzione avrà vita lunga e densa di ottimi risultati vista la scrupolosa e particolareggiata pianificazione dell’evento.
Read Post | commenti

Concerto d’Autunno a Nettuno.

venerdì 18 novembre 2016

Anche quest’anno, come ormai è consuetudine consolidata, la corale “Città di Nettuno” ha tenuto, domenica 13 dicembre, al Palazzetto dello Sport il “Concerto d’Autunno” in memoria di Elisabetta ed Isidoro Porfiri ed a sostegno del centro di ascolto interparrocchiale di Nettuno. Il concerto, che ha visto come protagonisti non solo la corale “Città di Nettuno”, ma anche il coro giovanile e l'ensemble strumentale “Artenova”, ed i “Poeti del borgo”, ha offerto alla comunità un piacevole momento di intrattenimento musicale e culturale. Il repertorio proposto è stato un’affascinante commistione di brani classici (Mascagni, Puccini) e brani più propriamente moderni eseguiti soprattutto dal coro giovanile con grande perizia. La serata, piuttosto fredda, è stata letteralmente scaldata dall’entusiasmo e dalla partecipazione affettuosa e avvolgente degli spettatori numerosi ed entusiasti. Il locale del Palazzetto dello Sport strapieno, il caloroso coinvolgimento delle persone presenti hanno motivato ulteriormente il Coro che, spinto dai numerosi applausi ricevuti, è riuscito nell’intento di regalare una performance di classe emozionando il pubblico e rendendolo partecipe. E’ stata apprezzata la scelta bilanciatissima della scaletta (brani musicali classici e moderni e poesie declamate da poeti locali), e la scelta di devolvere parte del ricavato della serata al centro di ascolto interparrocchiale che offre azioni di orientamento e accompagnamento a persone e famiglie in difficoltà. Ed è anche attraverso il coro che si può riuscire a creare un’idea di benessere con sé e con gli altri. Mentre con lo stress e le tensioni blocchiamo il respiro in modo innaturale, l’educazione canora aiuta ad entrare in contatto con se stessi e con il proprio corpo. Cantare in un Coro implica l’ascolto degli altri ed è dunque una forma di educazione integrale della persona che determina un arricchimento profondo che è una risorsa utile per la vita. Il concerto è stato diretto magistralmente dal M. Stefano Terribili e l’esecuzione dei brani ha ripagato il lavoro da Lui compiuto attorno alle partiture alla ricerca di una migliore vocalità, di una esecuzione più raffinata e completa; al pianoforte il M. Claudio Martelli. Fantastica la presenza scenica del tenore solista M. Delfo Paone e, soprattutto, degno di menzione il suo timbro armonico, pastoso e lucente. Al termine della serata, che è stata un viaggio bellissimo nella melodia apprezzato dalle persone presenti che hanno captato l’energia del coro e l’hanno fatta propria, il Presidente della corale dopo i doverosi ringraziamenti, ha invitato i cittadini di Nettuno ad una cena di beneficenza che si terrà domenica 11 dicembre alle ore 20 presso il Circolo Villa Borghese e il cui ricavato verrà devoluto a sostegno della corale di Norcia e della corale ”Università di Camerino” che erano presenti a Nettuno durante la rassegna in onore di Santa Maria Goretti. Con questi gruppi la Corale di Nettuno ha instaurato proficui rapporti di scambio eseguendo concerti sia a Norcia che a Camerino. La serata è terminata con il bis di “Aggiungi un posto a tavola” cantata dai cori unificati e, in maniera egregia, anche dai presenti. Ricordiamo, infine, i numerosi impegni che la “Corale Città di Nettuno” avrà nel periodo Natalizio:
  • Giovedì 8 dicembre, ore 18, Santa Messa al Santuario;
  • Giovedì 15 dicembre, ore 18, concerto di musiche natalizie nella Chiesa di San Francesco;
  • Domenica 18 dicembre, ore 19, tradizionale concerto di Natale al Santuario;
  • Giovedì 22 dicembre, ore 18:30, canti di Natale per le vie e piazze della città;
  • Domenica 25 dicembre Santa Messa di Natale al Santuario, ore 10:30;
  • Giovedì 29 dicembre, ore 18, concerto a Sandalo di Levante;
  • Venerdì 6 gennaio rassegna di canti Natalizi con la partecipazione di altre due corali nella collegiata di San Giovanni alle ore 18:30.
Read Post | commenti

NETTUNO: INFAME E SACRILEGO FURTO DELLA STATUA DI SANTA BARBARA.

martedì 11 ottobre 2016




La Sezione di Nettuno dell’Associazione Nazionale Artiglieri d’Italia desidera esprimere il proprio sdegno ed il proprio dolore per l’atto vandalico perpetrato da alcuni ignoti nella notte tra il 6 ed il 7 ottobre scorsi: il furto della Statua raffigurante Santa Barbara posta sul monumento a Lei dedicato, situato a Nettuno in Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto fin dal 5 maggio 1985. Essa fu donata dal Gen. Giorgio Pilieri in ricordo del padre Vittorio, su progetto del Gen. Luigi Calcagno, alla nostra Associazione che la donò a sua volta alla Città di Nettuno, tant’è che sulla lapide è scritto: “NETTUNO A S. BARBARA”. Come noto, la Santa Martire è la Celeste Patrona degli Artiglieri, dei Marinai, dei Genieri, dei Minatori, dei Vigili del Fuoco, dei Tecnici di Armi e Munizioni e di quanti hanno a che fare con armi ed esplosivi: ciò amplifica il vile atto facendolo definire un’onta che accomuna alla nostra Associazione anche tutta la Città di Nettuno, definita “La culla dell’Artiglieria Italiana”, e tutti i suoi cittadini, in quanto sede, fin dal 1888, del 1° Reparto di Artiglieria del Regio Esercito Italiano e della Regia Scuola di Tiro di Artiglieria, per giungere ad oggi sede di un importante Centro di Esperienze di Artiglieria qual è l’Ufficio Tecnico Territoriale Armamenti Terrestri (U.T.T.A.T.) altresì conosciuto come il “Poligono”. Nella speranza che l’esecrabile ed infame furto sacrilego abbia profondamente toccato le anime di ognuno, invito caldamente gli autori al ripensamento e quindi alla restituzione della Statua per ricollocarla al posto che le spetta. Invito, altresì, tutti i cittadini di Nettuno, noi Soci dell’A.N.Art.I. compresi, ad iniziare dal primo ad essere più presenti ed attivi nei confronti dei simboli della Patria, della Famiglia e della Religione perché essi rappresentano tutt’ora quegli alti valori che fanno di una società una società civile, giustamente sociale e moderna: quanto accaduto è appunto il frutto della mancanza di detti valori. Ringrazio pubblicamente tutti coloro che ci hanno espresso vivi sentimenti di vicinanza e di solidarietà.
Cav. Walter Vicini
Presidente della Sezione di Nettuno dell’A.N.Art.I.


Read Post | commenti

APRILIA: AVIS E GIÒ VOLLEY IN PIAZZA PER SAN MICHELE.

martedì 4 ottobre 2016


Sport, attività e prevenzione sono state le principali attrattive di domenica 2 ottobre in Piazza Roma ad Aprilia in occasione della festa di san Michele, dove l’Avis di Aprilia e la Giò Volley sono stati protagonisti. In occasione del santo patrono la Giò Volley ha messo da parte i classici tornei all’interno del PalaGiòVolley per scendere in piazza e unire le forze con l’Avis Comunale di Aprilia, animando la festa di grandi e piccini. Grazie all’allestimento di due campi da pallavolo, le piccole del minivolley, dell’under 12 e dell’under 13 hanno giocato e si sono esibite di fronte a tutti per dare spettacolo e divertimento. Presenti all’appello tutti gli allenatori del settore giovanile sotto la supervisione del Direttore Tecnico. Arbitri speciali sono state le ragazze dell’under 15 che si sono messe a disposizione per offrire questo servizio. Nonostante le previsioni e il tempo non fossero dei migliori, questo non ha fermato le piccole atlete, che durante la mattinata si sono date il cambio per dare a tutte la possibilità di giocare e divertirsi. Quest’esperienza però non è rimasta tra le mura della Giò Volley, anzi, si è allargata a tutti coloro che in quel momento, passando, volevano partecipare: o per provare un nuovo sport, o per divertirsi un po’, o semplicemente per giocare con le amiche. Tutto questo in una cornice di bancarelle e festa come solo Piazza Roma e S. Michele sanno creare, dando a una mattinata grigia i giusti colori per renderla un’esperienza speciale a tutti coloro che hanno avuto modo di esserne protagonisti. Grazie ai volontari dell’Avis di Aprilia, non solo i più piccoli hanno avuto il loro spazio, dove si sono messi in gioco con staffette, giochi di abilità, disegni ecc.., ma anche i più grandi hanno avuto modo di fare prevenzione, grazie al servizio gratuito della misurazione devi valori di PAO (Pressione) e Hb (Emoglobina), necessari alla valutazione di idoneità alla donazione, nonché fornendo tutte le informazioni necessarie per poterlo diventare. Una mattinata di festa, sport, solidarietà e prevenzione che ha reso unica per molti questa giornata e in cui la Giò Volley e l’Avis di Aprilia hanno dato il via per una collaborazione duratura, il cui scopo è quello di porre delle solide basi con sani principi per la società del domani.
Read Post | commenti

La corale "Città di Nettuno" ad Augusta.

mercoledì 28 settembre 2016

Da molti anni la corale "Città di Nettuno” collabora con la comunità Passionista del Santuario all'organizzazione della Rassegna delle corali polifoniche in onore dei festeggiamenti della compatrona Santa Maria Goretti. Tale evento ha ormai raggiunto grande interesse e notevole partecipazione da parte dei migliori cori nazionali ed esteri. L'importante appuntamento culturale richiama a Nettuno oltre 300 coristi ogni anno, la cui presenza costituisce anche occasione di soggiorno e di indotto economico per la nostra città. Fra i cori partecipanti si creano rapporti di scambio che contribuiscono non solo al confronto fra esperienze diverse ma danno anche la possibilità di far conoscere la nostra cittadina ad un vasto pubblico. Lo scorso anno è stato presente alla rassegna il qualificato coro Siciliano della città di Augusta che ha soggiornato sul nostro territorio per 4 giorni e, apprezzando la spiccata ospitalità dei coristi Nettunesi, ha invitato la corale di Nettuno in Sicilia in occasione di una loro manifestazione programmata dal 23 al 25 settembre u.s. Per questa occasione la “Corale Città di Nettuno” ha animato la SS. Messa di sabato alle 18:30 nella chiesa di San Francesco di Paola e nella stessa ha tenuto alle ore 19:30 un meraviglioso concerto. La Chiesa di San Francesco di Paola edificata nel 1639 e ricostruita dopo il terremoto del 1693 è stata un palcoscenico ideale per il programma del concerto che spaziando tra Sacro e Profano ha consentito alla corale di Nettuno di mostrare le potenzialità di cui è dotata. La fatica del viaggio, è stata ampiamente ripagata dall’accoglienza ricevuta e dalla bellezza del posto. La Sicilia, per chi non la conosceva, è stata una piacevolissima sorpresa. Affascinante ed emozionante la traversata dello stretto di Messina che collega la sponda calabrese con la sponda siciliana. Vedere contemporaneamente i due pilastri montuosi dell’Aspromonte e dei Peloritani, il Mare Tirreno ed il Mare Ionio, rammentare la leggenda di Scilla e Cariddi, è stata un’esperienza che rimarrà impressa tanto quanto l’emozione che il coro di Nettuno ha avuto nel cantare nella deliziosa coreografia della Chiesa di San Francesco di Paola. La squisita ed elegante ospitalità siciliana si è concretizzata attraverso tutti i componenti della corale Jubilaeum che hanno, anche nei particolari più minuti, fatto di tutto per rendere indimenticabile la permanenza ad Augusta. In qualsiasi situazione il coinvolgimento dei rappresentanti del coro siciliano e dei i suoi dirigenti è stato totale e di un affetto straordinario. L’attenzione e l’accoglienza del parroco di San Francesco di Paola don Francesco Scatà e la cordialità del presidente del coro Jubilaeum Grazia Bottaro hanno scaldato il cuore di tutti. Grande la commozione nel ricordare le vittime del terremoto dello scorso 24 agosto nella zona di Amatrice. La Città di Nettuno annovera diversi concittadini tra le vittime. Molti nettunesi sono soliti trascorrere le vacanze estive nei luoghi colpiti dal sisma. Con l’immagine della Madonna dell’Addolorata a proteggerci dall’alto i due cori si sono scambiati doni e targhe commemorative per confermare la splendida amicizia che si è creata. Tra i vari omaggi la corale di Nettuno ha consegnato al cordialissimo parroco un quadro di S. Maria Goretti, compatrona particolarmente venerata nella Città di Augusta ed ora, entrando nel dettaglio della performance, non è eccessivo dire che è stato un trionfo. Sotto la direzione, sempre attenta, puntuale e briosa, del M° Stefano Terribili, coadiuvato al pianoforte dal M° Maria Teresa Chillemi in una chiesa stracolma, la “Corale Città di Nettuno” ha spaziato dal repertorio Sacro a quello Polifonico e lirico cui sono seguiti i brani più noti del folklore italiano e romano in particolare. Degni di menzione gli assoli del giovane tenore Roberto Maddaloni con il brano “Panis Angelicus”, e la soprano Maria Vittoria Mastracco con il brano “La Vergine Degli Angeli”. Particolarmente emozionante il medley del M° Francesco De Felice che al flauto ha interpretato Morricone. Si è reso necessario, per l’entusiasmo manifestato dai presenti, un bis con il quale il M° Terribili ha fatto ripetere a cappella Gabriel’s Oboe. Altrettanto emozionante la chiusura della serata con canti a cori riuniti conclusasi con l’esecuzione del “Va Pensiero” di Giuseppe Verdi.
Read Post | commenti

GIO' VOLLEY, A ISERNIA PASSI IN AVANTI.

Margherita Muzi e Veronica Guidozzi
Terza uscita stagionale per la Giò Volley Aprilia che ha disputato ad Isernia un triangolare con la squadra di casa e Maglie. Continua dunque il tour della squadra pontina con le altre squadre di serie B e A per preparare la stagione. Un bel test considerando le due avversarie in una giornata intensa. La formula delle due partite a tre set è stata positiva per avere un quadro più completo, si sono visti dei progressi sotto alcuni punti di vista, mentre su altri c'è ancora da lavorare. I risultati sono relativi in questa fase della stagione, ma comunque positivi. Dopo aver vinto con 2-1 con Isernia è arrivata una “sconfitta” per 2-1 con Maglie. Questo il pensiero del coach Tonino Federici. “Torniamo a casa con dei dati interessanti in più, ci sono degli aspetti molto positivi soprattutto sulla parte muro-difesa, che abbiamo allenato in questi ultimi giorni. Abbiamo difeso molto e di questo sono veramente contento, non abbiamo contrattaccato molto bene, ora devo capire perchè, ma comunque sono aspetti su cui possiamo ancora crescere. In attacco dobbiamo migliorare, abbiamo anche qualche acciacco da curare. Per quanto riguarda le avversarie Isernia sta un po' indietro perchè sta ancora caricando molto, per quanto riguarda Maglie è quella che mi aspettavo, ovvero al nostro stesso livello”. Prossimo impegno sabato 1° ottobre 2016 al PalaGiòVolley contro Volleyrò.
Read Post | commenti

L'Unione Nazionale Insigniti al Merito della Repubblica Italiana a Nettuno.

sabato 11 giugno 2016




Giovedì 9 giugno scorso, presso il locale “Sotto Sopra” di Nettuno, si è tenuto l’incontro dell’Unione Nazionale Insigniti al Merito della Repubblica Italiana (UNIMRI), alla presenza del Presidente Nazionale, cav. Angelo Iacovazzi, ai responsabili nazionali cav. Gianni Porcaro, cav. Giacinto Panebianco, al cav. Gino Marcoccia, responsabile nazionale delle Pubbliche Relazioni. Con la gradita presenza del cav. Mirko Bilò, responsabile regionale per le relazioni pubbliche dell’UNIMRI Marche e del Presidente dell’Associazione Culturale “Arciere di Sant’Antioco”, cav. Roberto Lai. La riunione ha sancito la nascita della Sezione UNIMRI “Roma sud” che comprende i Comuni di Pomezia, Ardea, Anzio, Nettuno e Velletri. Nell’occasione è stato nominato per acclamazione presidente il cav. Claudio Sitzia e membri il direttivo il cav. uff. Santino Lo Duca e il cav. Ciro Ivano Petriccione. Lo scopo dell’associazione, il cui motto è "Acta non verba", come ricordato dal presidente nazionale, cav. Iacovazzi, è quello di riunire insieme tutte quelle persone insignite della prestigiosa onorificenza al Merito della Repubblica Italiana (OMRI) dal Presidente della Repubblica per testimoniare e ricordare e divulgare presso i giovani i valori fondanti della nostra Repubblica in primis  "il valore della libertà, della uguale dignità di ogni persona e della solidarietà, che sono gli elementi fondamentali che caratterizzano il nostro Paese e che sono alla base della nostra Democrazia", inoltre, nella giornata c’è stato un incontro tra Roberto Lai, Claudio Sitzia e Gino Marcoccia con padre Giovanni Alberti (biografo di Santa Maria Goretti) per un progetto da realizzare in occasione dei festeggiamenti del 60° anniversario della fondazione della Chiesa di Santa Maria Goretti, a Sant'Antioco (Cagliari), che si terranno il 9 luglio prossimo venturo nel Sulcis della Sardegna.
Read Post | commenti
 
© Copyright Agropontinonotizie.com 2011 - Some rights reserved | Powered by telegolfo.com.
Template Design by cb-informatica | Published by cb-informatica and cb-informatica